Augusto Righi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo personaggio, anch'egli senatore del Regno d'Italia, vedi Augusto Righi (senatore).
sen. Augusto Righi
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Augusto Righi
Luogo nascita Bologna
Data nascita 27 agosto 1850
Luogo morte Bologna
Data morte 9 giugno 1920
Data 1905

Augusto Righi (Bologna, 27 agosto 1850Bologna, 8 giugno 1920) è stato un fisico e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Diplomatosi in ingegneria civile nel 1872 a Bologna, succedette a Pacinotti come insegnante di fisica presso l'Istituto Tecnico di Bologna, dove insegnò dal 1873 al 1880. Dal 1880 al 1885 insegnò all'università di Palermo, dove ebbe come allievo Orso Mario Corbino.

Nel 1885 si trasferì all'Università di Padova e infine nel 1889 si trasferì all'Università di Bologna dove rimase fino alla morte. Nel 1893 iniziò il suo lavoro sperimentale più noto, ovvero lo studio delle proprietà elettromagnetiche. In questo periodo Guglielmo Marconi segue le sue lezioni, ottenendo anche il permesso di frequentare il laboratorio e la biblioteca. L'incontro risulterà fondamentale per la nascita delle telegrafia senza fili. Nell'ultima fase della sua carriera si dedicò allo studio delle radiazioni ionomagnetiche. Fu più volte candidato al premio Nobel.[1]

Tra i fondatori nel 1884 del Circolo Matematico di Palermo, socio corrispondente dal 1887 e socio nazionale dal 1898 dell'Accademia dei Lincei, membro di numerose istituzioni scientifiche italiane e straniere, nel 1905 fu nominato senatore del Regno d'Italia per i suoi meriti scientifici. La città di Firenze gli ha dedicato una strada. Roma una piazza nella zona di Viale Guglielmo Marconi, ove sono presenti in massima parte toponimi riferiti a personaggi che hanno avuto rilevanza in discipline scientifiche.

Ricerche e opere[modifica | modifica sorgente]

La sua opera abbraccia un campo vastissimo (studi sui condensatori, sull'elettroforo di Volta, sui dielettrici e sulle scintille elettriche, sui fenomeni ottici e magneto-ottici, sull'isteresi magnetica - fu il primo a dimostrare l'effetto di isteresi nei materiali ferromagnetici e il suo contributo allo studio degli effetti di Hall e Kerr ne portò alla luce alcuni aspetti fondamentali, che sarebbero stati spiegati solo più tardi), ma la sua fama è soprattutto legata allo studio delle radiazioni elettromagnetiche.

In questo campo Righi riprese le esperienze di Hertz e dimostrò sperimentalmente con un lavoro sistematico, che le onde elettromagnetiche presentano gli stessi fenomeni (riflessione, rifrazione e polarizzazione) delle onde luminose, confermando l'identità di natura dei due tipi di radiazione.

Per le proprie esperienze Righi si servì di un oscillatore da lui stesso ideato e capace di dare onde aventi lunghezza d'onda di 10 cm e anche meno. [Hertz non era riuscito ad ottenere lunghezze d'onda inferiori ai 66 cm, che avrebbero richiesto apparecchiature di dimensioni assai grandi per evitare che i fenomeni di diffrazione mascherassero gli altri fenomeni. Per questo esperimento Righi fece uso di un risonatore costituito da una lastrina di vetro ricoperta da un foglio di materiale conduttore in cui era praticato un sottile taglio fra i lembi del quale scoccavano le piccole scintille.

I risultati di queste magistrali ricerche furono esposti nell'opera L'ottica delle oscillazioni elettriche (1897), e le esperienze eseguite con l'oscillatore a sfere, furono determinanti per la realizzazione della radio costruita da Guglielmo Marconi. Le ricerche sulle onde elettromagnetiche pongono Righi, assieme a Hertz, Nikola Tesla, Oliver Joseph Lodge, Alexander Stepanovitch Popov, proprio fra i precursori di Guglielmo Marconi.

Ad Augusto Righi si deve anche l'introduzione del termine fotoelettrico per spiegare l'omonimo fenomeno.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Gli è stato dedicato un asteroide, 16766 Righi. Il noto liceo scientifico romano prese il nome dal famoso fisico.

Gli sono dedicate numerose scuole italiane: istituti tecnici industriali di Napoli, Chioggia, Cerignola e Taranto, licei scientifici a Bologna e a Cesena e un istituto professionale per l'industria e l'artigianato a Cassino.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Modern theory of physical phenomena, radio-activity, ions, electrons (London, MacMillan, 1904) (tradutto da Augustus Trownbridge).
  • I Fenomeni elettro-atomici sotto l'azione del magnetismo (Bologna, N. Zanichelli,1918)
  • La Materia radiante e i raggi magnetici (Bologna, N. Zanichelli, 1910)
  • L'Ottica delle oscillazioni elettriche, studio sperimentale sulla produzione di fenomeni analoghi ai principali fenomeni ottici per mezzo delle onde elettromagnetiche (Bologna, N. Zanichelli, 1897)
  • Sulla forza elettromotrice del selenio Studi editi dalla Università di Padova a commemorare l'ottavo centenario della origine della Università di Bologna. Vol. III (Padova: Tip. del Seminario, 1888)
  • Sur le phénomène de Zeeman dans le cas général d'un rayon incliné d'une manière quelconque sur la direction de la force magnétique (Parigi, G. Carré et C. Naud, 1900)
  • Sur quelques expériences connues considérées au point de vue de la théorie des électrons (Parigi, 40, rue des Écoles, 1906)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Inserito nella lista dei meritevoli ininterrottamente dal 1905 al 1920. http://www.treccani.it/enciclopedia/augusto-righi_%28Il-Contributo-italiano-alla-storia-del-Pensiero:-Scienze%29/

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 40186944 LCCN: n87127638 SBN: IT\ICCU\RMSV\012652

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie