Assur-uballit II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Assur-uballit II (... – Carre, 609 a.C.) è stato l'ultimo sovrano dell'Assiria dal 612 a.C. ca. al 609 a.C..

Probabilmente figlio di Assurbanipal e fratello di Sin-shar-ishkun, salì al trono dopo la conquista di Ninive da parte dei babilonesi e dei medi. Pose la sua capitale presso la città di Harran (Carre).

Con l'aiuto delle forze egizie, unite alle ultime armate assire, Ashur-uballit fu capace di resistere e mantenere la città contro l'assalto combinato delle armate babilonesi e medie. Quando nel 610 a.C. le forze egizie si ritirarono per tornare nella madrepatria, il re non ebbe più alcuna possibilità di difesa e la città di Harran fu occupata e saccheggiata.

L'Assiria chiese nuovamente aiuto all'Egitto e lo stesso faraone Necho II guidò l'esercito di soccorso; il re Giosia di Giuda, alleato dei babilonesi, cercò di fermare o almeno di ritardare gli egizi, ma fu sconfitto a Megiddo. Il faraone Necho continuò la marcia ed unitamente alle ultime armate di Assur-uballit pose l'assedio ad Harran, ma furono sconfitti.

Si pensa che Assur-uballit sia stato ucciso durante l'assedio, poiché non viene più citato da alcuna fonte.

Predecessore Re d'Assiria Successore
Sin-shar-ishkun 612-609 a.C. Conquistato da Babilonesi e Medi