Arbalesta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arciere che carica un'arbalesta

L'arbalesta è una tarda variante della balestra medievale europea.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Più grande di una normale balestra, l'arbalesta aveva un corpo d'acciaio. Le maggiori dimensioni e il maggiore carico di rottura dell'acciaio le consentivano una forza maggiore. Le arbaleste più potenti erano attrezzate con una piccola carrucola per il caricamento, e potevano sprigionare fino a 22 kN (circa 2243 kgf), ed erano precise fino a 900 metri di distanza. Un bravo balestriere potrebbe tirare un quadrello due volte ogni minuto. Le arbaleste erano a volte considerate disumane o scorrette, dato che un arbalestriere senza esperienza avrebbe potuto uccidere un cavaliere di livello superiore.

Il termine "arbalesta" viene spesso usato come sinonimo di balestra.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Norman P. Tanner, Decrees of the Ecumenical Councils, Vol. 1. Nicaea 1 to Lateran V, 1990, Londra / Washington, Sheed & Ward, Georgetown University Press, ISBN 0878404902
  • Alex J. Bellamy, Just Wars: From Cicero to Iraq, 2006, Polity, p. 32, ISBN 0745632823