Y Ddraig Goch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Y Ddraig Goch

Y Ddraig Goch è una leggendaria creatura gallese. Secondo la leggenda, è un drago alato rosso, capace di sputare fuoco. È spesso usato per rappresentare la popolazione del Galles.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Y Ddraig Goch ha l'aspetto di un drago rosso dotato di ali, di quattro zampe, e di una coda a punta; per queste carattaristiche tipiche risulta simile alla Viverna, da cui però differisce per la colorazione accesa.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Y Ddraig Goch compare nella Historia Brittonum. Secondo la leggenda, il sovrano britannico Vortigern scelse la località di Dinas Emrys per costruirvi il suo castello. Ogni notte però le mura del castello appena costruite, venivano demolite da forze invisibili. Vortigern consultò allora i suoi consiglieri, che gli suggerirono di trovare un ragazzo orfano, e di sacrificarlo. Trovato il ragazzo (secondo alcuni il futuro Merlino), questi spiegò al re che la causa dei ripetuti crolli era la lotta tra un drago bianco e un drago rosso, sepolti lì sotto. Vortigern fece quindi disotterrare i draghi, che continuarono a combattere; dopo una lunga battaglia, finalmente il drago rosso sconfisse il drago bianco. Merlino spiegò a Vortigern che il drago rosso simboleggiava i Britanni, mentre il drago bianco simboleggiava i Sassoni — predicendo perciò la vittoria dei Britanni. È chiaro che il drago rosso sia Y Draig Goch.

Enrico Tudor usò una bandiera raffigurante Y Ddraig Goch (già utilizzato dal sovrano gallese Cadwaladr ap Cadwallon) su campo bianco e verde, quando marciò verso il Galles[1]; Y Draig Goch appare tuttora nella bandiera nazionale del Galles[2], e risulta quindi essere tra i draghi più noti del Regno Unito.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le leggende, Y Ddraig Goch viveva prevalentemente in Galles ed in Cornovaglia. Probabilmente questa creatura si cibava di mammiferi o uccelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wales: History of Welsh Flags, su www.crwflags.com. URL consultato il 28 aprile 2018.
  2. ^ (EN) BBC - Wales - History - Themes - Welsh Flag: An official emblem, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 28 aprile 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]