Wali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Disambigua compass.svg A questo titolo corrispondono più voci, di seguito elencate.
Questa è una pagina di disambiguazione; se sei giunto qui cliccando un collegamento, puoi tornare indietro e correggerlo, indirizzandolo direttamente alla voce giusta. Vedi anche le voci che iniziano con o contengono il titolo.

I termini arabi wālī e walī (spesso confusi nelle trascrizioni) hanno diverse accezioni importanti in ambito religioso e giuridico.

La radice su cui sono formate entrambe le parole, < w-l-y >, ha il significato principale di "essere vicino" e, per estensione, anche "essere amico" e "tutelare, sorvegliare". Nel linguaggio di tutti i giorni walī indica semplicemente un "vicino" o un "parente", ma in ambito islamico è importante distinguere:

  • Wālī (in arabo: ﻭﺍﻟﻲ‎, wālī) – colui che amministra una Wilāya ("provincia")
  • Walī (in arabo: ﻭﻟﻲ‎, walī) – il parente maschio della sposa il cui assenso è (a seconda delle legislazioni e delle scuole giuridiche) necessario o semplicemente raccomandato per la celebrazione del matrimonio islamico; indica anche il patrono che conceda la sua protezione a un essere umano estraneo al gruppo o l'ex padrone di uno schiavo da lui affrancato, che si assume l'onere di proteggere il suo liberto
  • Walī (in arabo: ﻭﻟﻲ‎, walī) – un "amico di Dio", cioè, nell'ambito dell'Islam, una persona di conclamata religiosità che si ritiene abbia avuto una speciale relazione di intimità con Allāh
  • Walī l-ʿahd (in arabo: ﻭﻟﻲ ﺍﻟﻌﻬﺪ‎) – erede designato al califfato