Vetrato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Vetrato (disambigua).

In alpinismo con vetrato (calco dal francese verglas) si indica qualsiasi strato di ghiaccio trasparente e sdrucciolevole che ricopre le rocce, pareti delle montagne e passi rocciosi[1], indipendentemente da come si è formato (per esempio a causa del congelamento dell'acqua o per gelicidio[2]). Essendo molto scivoloso, è assai temuto dagli alpinisti. Di solito viene superato con l'aiuto di ramponi. È chiamato anche vetrone[2].

Uso letterario[modifica | modifica wikitesto]

Il termine, nel senso alpinistico, è stato usato da autori come Piero Jahier e Primo Levi[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alfredo Panzini, Dizionario moderno delle parole che non si trovano nei dizionari comuni, 9ª ed., Milano, Hoepli, 1950 [1905], p. 738.
  2. ^ a b Nicola Zingarelli, Il nuovo zingarelli. Vocabolario della lingua italiana, a cura di Miro Dogliotti e Luigi Rosiello, 11ª ed., Zanichelli, 1983, p. 2142.
  3. ^ Salvatore Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana, XXI, UTET, 1967, p. 824.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]