Ghiaccio nero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ghiaccio nero
Titolo originaleThe Black Ice
AutoreMichael Connelly
1ª ed. originale1993
GenereRomanzo
Sottogenerepoliziesco (police procedural)
Lingua originale inglese
AmbientazioneLos Angeles, anni novanta
ProtagonistiHarry Bosch
SerieHarry Bosch
Preceduto daLa memoria del topo
Seguito daLa bionda di cemento

Ghiaccio nero (titolo originale The Black Ice) è un romanzo poliziesco dello scrittore statunitense Michael Connelly, pubblicato nel 1993, il secondo di una lunga serie avente come protagonista il detective Harry Bosch. Anche questo libro può essere considerato un police procedural atipico, in quanto la figura di Bosch è assolutamente predominante e non viene messo in particolare risalto l'eventuale contributo alle indagini di altri poliziotti.

Il titolo[modifica | modifica wikitesto]

Ghiaccio nero è una droga prodotta dai Messicani i quali copiano il procedimento degli Hawaiani che uniscono altre droghe più famose tra loro creando il vetro. Visto che la qualità dell'eroina messicana è più scadente e raschiano anche il fondo bruciato delle pentole il risultato è più scuro rispetto al prodotto Hawaiano e per questo lo chiamano Ghiaccio nero.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Los Angeles, giorno di Natale. Dopo alcuni giorni di assenza e di ricerche da parte dei colleghi della polizia, in uno squallido motel di Hollywood viene trovato il corpo di Cal Moore, un detective della squadra anti-narcotici, la BANG (Boulevard Anti-Narcotics Group). All'apparenza l'uomo, che si era da poco tempo separato dalla moglie, si è suicidato con una doppietta, lasciando un enigmatico biglietto di addio: «Ho scoperto chi ero».

Harry Bosch, detective della squadra omicidi della divisione Hollywood, è di turno ed a casa sta ascoltando i messaggi radio sulle frequenze della polizia. Quando giunge la notizia del ritrovamento del corpo di Moore, Bosch non viene chiamato, benché il fatto sia avvenuto in una zona di competenza della divisione Hollywood.

Per il suicidio di Moore si sono recati al motel Hideaway nomi di spicco della polizia di Los Angeles: Irvin Irving, Aiuto Capo della Polizia, Sheehan, detective della DRO - la Divisione Rapine-Omicidi, e John Chastain, detective della DIA - la Divisione Affari Interni. Nonostante non sia stato coinvolto ufficialmente, Bosch - che aveva incontrato Moore poco tempo addietro - si reca sul luogo del ritrovamento e può constatare di persona i dettagli della scena del suicidio.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]