Verba volant, scripta manent

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La locuzione latina Verba volant, scripta manent, tradotta letteralmente, significa le parole volano, gli scritti rimangono.

Questo antico proverbio, che trae origine da un discorso di Caio Tito al senato romano[1], insinua la prudenza nello scrivere, perché, se le parole facilmente si dimenticano, gli scritti possono sempre formare documenti incontrovertibili. D'altro canto, se si vuole stabilire un accordo, è meglio mettere nero su bianco e quindi agendo con i fatti, piuttosto che ricorrere ad accordi verbali facilmente contestabili.

Tuttavia è da notare che tale proverbio aveva in origine una valenza del tutto opposta. In un'epoca in cui i più erano analfabeti, stava a indicare che le parole viaggiano, volano di bocca in bocca, e permettono che il loro messaggio continui a circolare (si veda la voce Parole alate), mentre gli scritti restano, fissi e immobili, a impolverarsi senza diffondere il loro contenuto.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ J.P Bois, Dialogue militaire entre anciens et modernes, Université de Nantes, Centre de recherches sur l'histoire du monde atlantique. Presses universitaires de Rennes, 2004
  2. ^ Piergiorgio Odifreddi, (1994). In media stat virtus. Riportato il 30 settembre 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina