Vasilij Nikolaevič Gordov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vasilij Gordov)
Jump to navigation Jump to search
Vasilij Nikolaevič Gordov
Vasily Gordov.jpg
NascitaMatveevka, 12 dicembre 1896
MorteMosca, 24 agosto 1950
Cause della mortecondanna a morte
Dati militari
Paese servitoFlag of Russia.svg Impero russo
Flag of the Russian Soviet Federative Socialist Republic.svg RSFS Russa
Flag of the Soviet Union (1924–1955).svg Unione Sovietica
Forza armataRussian coa 1825.png Esercito imperiale russo
Red Army flag.svg Esercito sovietico
Anni di servizio1915-1947
GradoColonnello generale
GuerrePrima guerra mondiale
Guerra civile russa
Guerra d'inverno
Seconda guerra mondiale
CampagneOperazione Fischreiher
BattaglieBattaglia di Smolensk
Battaglia di Kiev
Battaglia di Stalingrado
Battaglia di Berlino
Offensiva di Praga
Comandante di21ª armata
1ª armata della riserva
Fronte di Stalingrado
33ª armata
3ª armata della guardia
Distretto militare del Volga
DecorazioniEroe dell'Unione Sovietica
voci di militari presenti su Wikipedia
Vasilij Nikolaevič Gordov

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature II
Circoscrizione Oblast' di Kujbyšev

Vasilij Nikolaevič Gordov (Matveevka, 12 dicembre 1896Mosca, 24 agosto 1950) è stato un generale sovietico decorato con il titolo di Eroe dell'Unione Sovietica. Fu Comandante del Fronte di Stalingrado dal luglio all'agosto del 1942 quando fu rimpiazzato con Andrej Erëmenko[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gordov nacque il 30 dicembre del 1896 nel villaggio di Matveevka nel Governatorato di Ufa. Era figlio di contadini. Entrò nell'Esercito imperiale russo nel 1915 e fu promosso al rango di sergente giovane. Nel 1917 si uni alle Guardie Rosse, entrando nell'Armata Rossa nel 1918. Fini la Guerra civile russa come comandante del 53º reggimento fucilieri, combattendo nella campagna contro Nestor Machno, per la quale fu decorato con l'Ordine della Bandiera rossa.[3] Tra il 1925 e il 1926, Gordov servì come consigliere militare dell'Esercito Popolare Mongolo. Nel 1932, si laureò all'Accademia militare Frunze e in seguito divenne capo dello stato maggiore della Scuola di Fanteria della Bandiera rossa di Mosca nel 1933. Fu capo dello stato maggiore della 18ª Divisione fucilieri tra il maggio del 1935 e il 1937. Nel luglio del 1937, Divenne comandante della 67ª Divisione fucilieri. Nel luglio del 1939, divenne capo dello stato maggiore del Distretto militare di Kalinin.

Gordov combatté nella Guerra d'inverno come capo dello stato maggiore della 7ª Armata, ma fu rimosso da tale ruolo in seguito a numerosi presunti fallimenti. Fu spostato nel Distretto militare del Baltico, di cui divenne nuovamente capo dello stato maggiore. Fu promosso al rango di Maggior generale nel giugno del 1940. Fu capo di stato maggiore della 21ª Armata dopo l'inizio dell'Operazione Barbarossa e infine suo comandante dall'ottobre del 1941, combattendo nella Battaglia di Smolensk e nella Battaglia di Kiev.

Nel 1947 ebbe una discussione con il suo ex capo di stato maggiore Filipp Rybalčenko in cui ebbe da ridire sulle politiche di Stalin. Questa conversazione fu riportata allo stesso Stalin e Gordov fu immediatamente arrestato,[4][5] insieme a Grigorij Kulik e Rybalchenko e fu accusato di azioni terroristiche contro lo stato sovietico. Condannato a morte sulla base dell'Articolo 58 del sistema giudiziario sovietico, la sentenza venne eseguita il 24 agosto 1950 nella Prigione di Lefortovo. L'11 aprile del 1956 fu riabilitato e il suo nome apparve in un memoriale.

Onorificenze sovietiche[modifica | modifica wikitesto]

Eroe dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Eroe dell'Unione Sovietica
Ordine di Lenin (2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin (2)
Ordine della Bandiera Rossa (3) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera Rossa (3)
Ordine di Suvorov di I Classe (3) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Suvorov di I Classe (3)
Ordine di Kutuzov di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Kutuzov di I Classe
Ordine della Stella Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Stella Rossa
Medaglia per il giubileo dei 20 anni dell'Armata Rossa dei lavoratori e dei contadini - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 20 anni dell'Armata Rossa dei lavoratori e dei contadini
Medaglia per la difesa di Mosca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per la difesa di Mosca
Medaglia per la difesa di Stalingrado - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per la difesa di Stalingrado
Medaglia per la vittoria sulla Germania nella grande guerra patriottica 1941-1945 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per la vittoria sulla Germania nella grande guerra patriottica 1941-1945
Medaglia per la cattura di Berlino - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per la cattura di Berlino
Medaglia per la liberazione di Praga - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per la liberazione di Praga

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Croce militare cecoslovacca 1939-1945 (Cecoslovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Croce militare cecoslovacca 1939-1945 (Cecoslovacchia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) "Гордов Василий Николаевич", 8 aprile 2015. URL consultato il 30 luglio 2019.
  2. ^ Grossman, Vasily (2011). Beevor, Antony (ed.). A Writer at War: Vasily Grossman with the Red Army. Translated by Luba Vinogradova. Knopf. ISBN 9780307363787.
  3. ^ The Great Soviet Encyclopedia (3rd ed.). 1979.
  4. ^ Lefter, Melvyn P. (2008). For the Soul of Mankind: The United States, the Soviet Union, and the Cold War. New York: MacMillan. ISBN 9781429964098.
  5. ^ "A stab in the back". Den. Retrieved 2015-08-04.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]