Valore di verità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In logica matematica, un valore di verità (o valore logico) è un valore che stabilisce il limite entro cui una proposizione risulta vera.
In logica classica, gli unici possibili valori di verità sono vero e falso, per denotare i quali si usano le lettere maiuscole V ed F, ovvero i due numeri 1 e 0, rispettivamente. Ciò nonostante, altri valori sono possibili in altre logiche: nella logica fuzzy e nella logica polivalente sono utilizzati altri valori di verità che indicano semplicemente vero e falso.

Algebricamente, l'insieme \{ \mbox{vero, falso} \} costituisce un'algebra booleana a due stati. Alternativamente, si possono adoperare altri tipi di algebre come insiemi di valori di verità in logiche non classiche: ad esempio, la logica intuizionista sfrutta un'algebra di Heyting.

In teoria dei topos, il suboggetto classificatore di un topos prende il posto dell'insieme dei valori di verità.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Elliott Mendelson. Introduzione alla logica matematica. Torino, Bollati Boringhieri, 1972. ISBN 88-339-5284-3.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica