Valerio Massimo (console 327)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Valerio Massimo (latino: Valerius Maximus; floruit 326-337; ... – ...) è stato un influente politico dell'Impero romano durante il regno di Costantino I.

Ricoprì la carica di console nel 327 e quella di prefetto del pretorio dal 326 al 335 e poi nel 337, anno della morte di Costantino.

È stata proposta la sua identificazione con Valerio Massimo signo Basilio, praefectus urbi di Roma (319-323), ma i legami sono deboli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rita Lizzi Testa, Le trasformazioni delle élites in età tardoantica, L'ERMA di BRETSCHNEIDER, 2006, ISBN 8882653722, pp. 351-352.
  • Pierfrancesco Porena, Le origini della prefettura del pretorio tardoantica, L'ERMA di BRETSCHNEIDER, 2003, ISBN 8882652386, p. 407.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie