Valentino di Genova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Valentino di Genova
Morte 325
Venerato da Chiesa cattolica
Santuario principale Chiesa di San Siro di Struppa
Ricorrenza 2 maggio
Attributi Bastone pastorale, Mitra

Valentino (... – Genova, 325) è stato protovescovo di Genova, il primo di cui si abbia notizia, ed è considerato santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Valentino è ritenuto il primo vescovo dell'arcidiocesi di Genova, carica che mantenne dal 312 alla morte nel 325. Svolse il suo ruolo pastorale aiutando vedove e orfani.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Il suo culto è limitato alla città e all'arcidiocesi di Genova, che ha inserito nel calendario liturgico, la commemorazione di san Valentino vescovo in data 6 novembre, insieme ai santi Felice e Romolo, secondo e quarto vescovo della città[1].

Le sue reliquie, sono conservate, sia nella chiesa di San Siro di Struppa, che nella cattedrale di San Lorenzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Chiesa cattolica celebra san Valentino di Genova anche il 2 maggio (Goffredo Casalis, Dizionario Geografico-Storico-Statistico-Commerciale Degli Stati Di S M Il Re dei Sardegna [1])