Utente:Astio k/Sandbox4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
FETO Records
Statoinglese
Fondazione2002 a Birmingham
Fondata daMick Kenney e Shane Embury
Sede principaleBirmingham
Settorediscografico

FETO Records è un'etichetta discografica indipendente inglese fondata e condotta da Mick Kenney degli Anaal Nathrakh e Shane Embury dei Napalm Death nel 2002.

Storia della FETO Records[modifica | modifica wikitesto]

2002: la nascita[modifica | modifica wikitesto]

La FETO Records nacque nel 2002 da un'idea di Mick Kenney degli Anaal Nathrakh e Shane Embury dei Napalm Death che presero il nome dll'acronimo del secondo album della band di Embury dal titolo From Enslavement to Obliteration.

Nei primi 2 anni di attività l'etichetta produsse quasi esclusivamente dischi dei Napalm Death. La prima pubblicazione datata 2002 fu infatti Order Of The Leech per il mercato britannico (l'edizione statunitense fu invece affidata alla Spitfire Records), alla quale seguirono il mini CD The Leech Sampler (2002) e Punishment in Capitals nel 2003[1].

2006: le nuove band[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 l'attività della FETO Records si amplia notevolmente, iniziando a produrre sia progetti paralleli dei due fondatori come l'omonimo disco degli Exploder, The Inferno dei Professor Fate ed il quarto album dei Mistress The Glory Bitches Of Doghead in cui partecipava Kenney o Violent Reprisal dei Lock Up in cui partecipava Embury, sia contrattualizzando numerose nuove band, tra le quali gli inglesi Ramesses[2], Nyia[3] e Theoktony, i giapponesi 324[4], e gli italiani Cripple Bastards (preminenti nella scena grindcore).[5]

Il F.E.T.O. Fest[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 2008 la casa discografica annunciò il calendario del primo From Enslavement To Obliteration Fest (in breve F.E.T.O. Fest, talvolta scritto FETO Fest), che fu organizzato a Londra il 2 maggio 2008 con la collaborazione di Terrorizer Magazine, che oltre agli headliner Anaal Nathrakh vedeva esibirsi band come Ramesses, Deadweight e Theoktony.[6][7]

Altre edizioni del festival sono state organizzate negli anni successivi.[senza fonte]

Lista degli artisti pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

Una lista parziale degli artisti che hanno pubblicato lavori con la FETO Records:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Feto Records su Discogs
  2. ^ Michele Mura, Misanthropic Alchemy (recensione), su metallized.it, 4 Marzo 2017.
  3. ^ Luca Filisetti, More Than You Expect (recensione), su metalitalia.com, 21 Maggio 2008.
  4. ^ Luca Pessina, Rebelgrind (recensione), su metalitalia.com, 3 Maggio 2008.
  5. ^ Michele Carli, Variante Alla Morte (recensione), su truemetal.it, 25 Settembre 2008.
  6. ^ Anaal Kathrakh: Headliner del Feto Obliteration Fest, su metalitalia.com, 18 gennaio 2008.
  7. ^ Anaal Kathrakh to headline first-aver Feto Obliteration Fest, su blabbermouth.net, 17 gennaio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]