Ultra vires

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Introduzione[modifica | modifica wikitesto]

La locuzione, "ultra vires", deriva dalla lingua latina, il cui significato è "al di là dei poteri". In giurisprudenza, se un atto richiede autorità legale, ed è istruito attraverso tale autorità, è caratterizzato dalle legge come "intra vires", ossia, "nell'ambito dei poteri". Se invece, viene istruito senza tale autorità, viene considerato come un eccesso di potere. Atti che sono considerati "intra vires" possono essere considerati legalmente validi, quelli "ultra vires", no.

Diritto degli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Nel diritto societario americano, gli atti "ultra vires" sono quegli atti giuridici o amministrativi, tentati da una società che vanno oltre la portata dei poteri a lei concessi, i cui limiti sono definiti nel suo statuto, o nelle leggi che autorizzano la formazione della società, o in documenti fondanti simili. Atti tentati da una società che vanno oltre la portata del suo statuto, sono nulli o annullabili.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]