Ufficio di statistica del Canton Ticino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L' Ufficio di statistica del Canton Ticino o USTAT è il servizio statistico centrale del Canton Ticino (Svizzera) ed è responsabile del coordinamento della statistica pubblica ticinese. È stato istituito nel 1929, ha sede in via Bellinzona, 31 a Giubiasco. Dal 2014 il capoufficio (direttore) è Pau Origoni.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

In qualità di autorità cantonale competente, l'Ustat produce, direttamente o indirettamente (utilizzando fonti amministrative), i principali dati della statistica pubblica ticinese. È responsabile del trattamento e dell'archiviazione dei dati inerenti alle principali statistiche a valenza cantonale e ne assicura la pubblicazione e la diffusione. Realizza analisi e ricerche sui principali fenomeni relativi alla popolazione, all'economia, alla vita sociale, all'ambiente e all'uso del territorio. Inoltre, fornisce prestazioni di natura statistica alle unità amministrative del Cantone, ai Comuni e a altri organismi e risponde alle numerose richieste di informazioni formulate dal pubblico (operatori economici, media, politici, ricercatori, studenti ecc.). In qualità di coordinatore della statistica cantonale, in collaborazione con i principali organismi coinvolti, prepara il programma pluriennale della statistica cantonale e assicura il coordinamento a livello federale, regionale e internazionale, intrattenendo le necessarie relazioni.

Basi legali e principi etici[modifica | modifica wikitesto]

L'ufficio è stato istituito con Decreto legislativo del 19 febbraio 1929, il quale è stato abrogato e sostituito dalla legge sulla statistica cantonale (LStaC) del 22 settembre 2009[1] e dal regolamento del 2 marzo 2010 concernente la legge sulla statistica cantonale (RLStaC)[2]. La statistica pubblica ha le sue basi nella Costituzione svizzera in quanto, dal 18 aprile 1999, comprende il nuovo articolo 65[3] che ne regola il mandato e le competenze. Nel 24 maggio 2002 gli uffici regionali di statistica svizzeri, per tramite della Conferenza svizzera degli uffici regionali di statistica (CORSTAT), hanno adottato la Carta della statistica pubblica[4], il codice deontologico che definisce i fondamenti etici inerenti alla statistica pubblica svizzera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]