Uccelli da gabbia e da voliera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Uccelli da gabbia e da voliera
AutoreAndrea De Carlo
1ª ed. originale1982
Genereromanzo
Lingua originaleitaliano

Uccelli da gabbia e da voliera, pubblicato da Einaudi nel 1982, è il secondo romanzo di Andrea De Carlo.

Giunto nel 1982 in finale al Premio Strega,[1] il libro ha avuto edizioni in lingua italiana, in francese, tedesco, turco e olandese.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo racconta di Fjodor Barna, giovane rampollo di una potente famiglia italo-americana. Dopo un incidente stradale in California con la sua MG, Fjodor viene convocato a New York dal fratello maggiore Leo, e in seguito dal padre che si è ritirato a vivere in Costa Rica. La famiglia decide che è tempo per Fjodor di mettere la testa a posto, e lo spedisce a Milano a lavorare nella filiale italiana della compagnia di famiglia, la MultiCo. Lì il giovane Barna conosce Malaidina, una ragazza affascinante che però ha legami con un gruppo terroristico. In breve Fjodor si trova coinvolto in un intrigo da cui non sa più come districarsi.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea De Carlo, Uccelli da gabbia e da voliera, Einaudi, Torino 1982
  • Andrea De Carlo, Uccelli da gabbia e da voliera, prefazione di Giuseppe Antonelli, UTET, Torino 2006
  • Andrea De Carlo, Uccelli da gabbia e da voliera, La nave di Teseo, Milano 2017

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edizione 1982, su premiostrega.it. URL consultato il 18 gennaio 2020.
  2. ^ Uccelli da gabbia e da voliera, su worldcat.org. URL consultato il 18 gennaio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura