Tricopigmentazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La tricopigmentazione è una tecnica di dermopigmentazione che crea un realistico camouflage di capelli permanente o semipermanente.

La tricopigmentazione è una pratica estetica che ha lo scopo non di curare la calvizie da un punto di vista medico, quanto di prendersene cura da un punto di vista estetico, provvedendo a coprire gli inestetismi dalla perdita dei capelli.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Agisce attraverso un ago specifico che ricorda quello utilizzato dai tatuatori, tant'è che questo trattamento spesso viene anche chiamato comunemente "tatuaggio capelli".

In realtà nella tricopigmentazione viene utilizzato un ago differente da quello tradizionale da tatuaggio e mediante una tecnica studiata appositamente per la cute del cuoio capelluto si riesce a riprodurre l'effetto dell'apice dei capelli in crescita, creando così l'aspetto di una cute rasata o integrando aree diradate, interponendo il trattamento trai capelli esistenti.

Esistono tre macro-tipi di effetto estetico che si possono ottenere con la tricopigmentazione:

  • effetto rasato (capello rasato)
  • effetto densità (infoltimento capelli)
  • copertura cicatrici (camouflage per cicatrici post autotrapianto capelli)

Sono disponibili due metodiche del trattamento:

  • metodo permanente

Il pigmento utilizzato ha un peso molecolare per il quale l'organismo umano non riesce a fagocitarlo inoltre il deposito del pigmento è più interno l'ago esercita una pressione maggiore il pigmento quindi spinto in profondità non subisce pienamente il processo di rinnovo cellulare del tessuto epiteliale, tuttavia é necessaria una seduta di touch-up (ritocco) trascorsi 3/4 anni in media

  • metodo semipermanente

Il pigmento composto é studiato appositamente per essere fagocitato dall'organismo umano e la profondità di inoculazione dello stesso viene stabilita in modo che il turnover cellulare contribuisca ad espellerlo, il mantenimento del trattamento é fissato nella misura di una seduta annuale.

!Da considerare che una tricopigmentazione applicata su cicatrici anche con protocollo semipermanente può risultare a lunga durata dato appunto il processo limitato di rinnovo cellulare sulle zone cicatriziali

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Possiamo dire che le origini di tutto quello che ad oggi si definisce micropigmentazione, dermopigmentazione, tricopigmentazione, trucco permanente sono evoluzioni del tatuaggio che ha origine circa 5mila anni fa, dagli egizi alle tribù maori fino ai giorni d'oggi. L'evoluzione della tecnologia e la continua ricerca hanno portato nel mettere a punto questa pratica in modo sicuro e controllato grazie a protocolli igienico - sanitari sempre più scrupolosi, normative, direttive elargite dalla comunità europea hanno reso possibile la sicurezza nel sottoporsi a questo tipo di trattamento. Nell'appunto la ricerca costante da parte dei produttori di pigmenti e aghi ha portato l'elaborazione di prodotti specializzati a seconda delle zone di applicazione e nel caso specifico della tricopigmentazione dal 2001 ad oggi l'obbiettivo fissato è quello di realizzare trattamenti che rispecchino verosimilmente la tonalità dei capelli rasati che hanno tendenza al colore bruno-grigio distinguibile sia per chi ha i capelli castani - castano chiaro - biondo scuro inoltre garantire un viraggio minimo di colore ed un'espansione estremamente controllata del deposito in modo che anche nel tempo il trattamento risulti naturale. Possiamo dire che l'origine della tricopigmentazione parte dal Regno Unito fino a diffondersi in tutto il mondo dall'Europa al Sud America questa tecnica si sta facendo spazio anche nel mondo della chirurgia poiché sempre più chirurghi che si occupano di autotrapianto dei capelli la consigliano come sostegno al trapianto stesso sia per uniformare i capelli trapiantati che per coprire le cicatrici post intervento a volte loro stessi in casi ove la chirurgia non è possibile consigliano di intervenire direttamente con la tricopigmentazione.

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina