Tratto prosodico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tratti soprasegmentali)
Jump to navigation Jump to search

In fonologia, un tratto prosodico (o, meno comunemente, soprasegmentale) è una caratteristica fonologica che coinvolge più segmenti fonemici (cioè più di un fonema) in simultaneità. Generalmente, un tratto prosodico fa riferimento a tre parametri acustici fondamentali (o "correlati acustici"): la frequenza fondamentale, l'intensità e la durata.

I principali tratti prosodici sono accento, tono (al livello della parola) e intonazione (al livello dell'enunciato). Hanno carattere prosodico anche quantità, sillaba, giuntura e ritmo.[1][2]

Questi fenomeni sono detti soprasegmentali perché agiscono al di sopra del segmento minimo, prosodici perché riguardano la catena parlata e ne determinano l'andamento ritmico.

I fonologi generativisti parlano di fonemi non lineari[3].

Accento[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Accento (linguistica).

L'accento "è la particolare forza o intensità di pronuncia di una sillaba"[4] rispetto ad altre e permette di far emergere una sillaba dalla catena parlata.

In italiano, l'accento può essere intensivo o dinamico ed è mobile, cioè può occupare diverse posizioni nelle parole composte da più sillabe; a seconda della sua posizione, permette di distinguere parole per il resto omografe.

Per esempio:

  • sùbito-subìto, prìncipi-princìpi, circùito-circuìto, àncora-ancóra, ecc.

Classificazione delle parole in base all'accento[modifica | modifica wikitesto]

L'accento permette, anche, di classificare le parole in base alla sua posizione all'interno di una parola.

Nella lingua italiana una parola può essere:

  • ossitona (tronca), quando l'accento cade sull'ultima sillaba, come in: città, però, così…
  • parossitona (piana), quando l'accento cade sulla penultima sillaba, come in: giocàre, marèa, matìta…
  • proparossitona (sdrucciola), quando l'accento cade sulla terzultima, come in: màcchina, mòbile, tènero….

Per le parole ossitone plurisillabiche, l'ortografia italiana prevede l'obbligo di indicare la posizione dell'accento tonico usando un segnaccento, come nel caso delle parole città, partì, caffè, perché ecc.

Non è previsto l'obbligo di apporre l'accento grafico sui monosillabi monovocalici come sto, sta, fa, qua ecc., mentre è necessario indicarlo nelle parole monosillabiche per distinguerle dalle omografe: da (preposizione) vs. (III persona del verbo dare); la (articolo determinativo femminile singolare) vs. (avverbio di luogo); si (particella pronominale) vs. (avverbio).

Tono e intonazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Tono (linguistica) e Intonazione (linguistica).

Il tono è l'altezza melodica con cui viene pronunciata una sillaba e dipende dalla velocità e dalla frequenza con cui vibrano le corde vocali.

L'intonazione, invece, riguarda gli enunciati e il modo in cui vengono pronunciati, quindi è un tratto prosodico che assume un ruolo importante soprattutto nel parlato. L'intonazione è una sequenza di toni, che fa assumere alla frase un certo andamento melodico e permette, per esempio, di distinguere frasi dichiarative da interrogative.

Considerando la frase Luigi ha vinto, una distinzione particolare si può fare tra:

  • frasi interrogative, caratterizzate da un'intonazione ascendente
(Luigi ha vinto? ↑)
  • frasi affermative, caratterizzate da un'intonazione costante
(Luigi ha vinto… → )
  • frasi esclamative, caratterizzate da un'intonazione discendente
(Luigi ha vinto! ↓)

Lunghezza[modifica | modifica wikitesto]

Riguarda la quantità di tempo con cui vengono pronunciate sia le sillabe che i foni. I foni possono essere sia brevi che lunghi, cioè realizzarsi in un tempo più o meno rapido e la durata delle vocali o consonanti ha valore distintivo solo in alcune lingue.

Nella lingua italiana, la lunghezza non ha valore distintivo a meno che non sia considerata l'opposizione di durata tra le consonanti semplici e doppie; infatti, è possibile evidenziare la durata identificando coppie minime e adottando il criterio delle opposizioni fonologiche come in:

caro ~ carro

In questo caso, sono considerate lunghe le consonanti doppie e brevi quelle semplici.

In altre lingue, invece, la durata vocalica ha valore distintivo, come nel latino classico per la distinzione tra:

mălum = malanno e mālum = mela

o per il finlandese:

sata= cento ~ saata= accompagna

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Amedeo De Dominicis, lemma Tratti soprasegmentali, in Enciclopedia dell'Italiano (2011), Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani.
  2. ^ Simone, Fondamenti di linguistica, cit., p. 124.
  3. ^ Dizionario di linguistica, cit., lemma segmentale/soprasegmentale.
  4. ^ Berruto e Cerruti, La linguistica, p. 77.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica