Tracce (periodico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tracce - litterae communionis
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàmensile
Generecultura, religione
Fondazione1974
SedeVia De Notaris, 50 - (MI)
EditoreEditrice Nuovo Mondo
Diffusione cartacea44 925 (settembre 2013)
DirettoreAlessandra Stoppa
ISSN1128-9333 (WC · ACNP) e 1828-6763 (WC · ACNP)
Sito webSito web
 

Tracce - litterae communionis è un mensile italiano del movimento di Comunione e Liberazione.[1] Tracce è una rivista internazionale tradotta in 7 lingue.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La rivista iniziò come CL, cambiato nel 1977 in Litterae Communionis e continuò nel 1993 come Tracce - litterae communionis. Nel 1997 esce la prima edizione in spagnolo, Huellas.[2] La versione inglese iniziò nel 1999 come Traces.[3] Dal 2000 viene pubblicata in russo (След)[4] e in francese (Traces),[5] nel 2002 in tedesco (Spuren)[6] e dal 2003 nel polacco (Ślady)[7] e nel portoghese (Passos).[8] In quell'anno durante il Meeting di Rimini viene discussa la diffusione di Tracce nel mondo, soprattutto in Sud America e in Russia.[9] Dal 2014 la versione inglese della rivista viene solo pubblicata online.[10] Dal maggio 2018 il mensile si dedica di più ad approfondimenti in un approccio tematico e non tratta più le notizie.[11]

Ricerche[modifica | modifica wikitesto]

Tracce (soprattutto la versione inglese) è stata usata come fonte per ricerche sociologiche sul campo della religione e i rapporti sociali. In particolare è stata studiata per il rapporto tra le strutture politiche e movimenti religiosi, tra i quali Comunione e Liberazione (CL).[12] Tracce è stata citata per esempio anche in uno studio dell'organizzazione di CL in America Meridionale,[13] e per il ruolo di Maria nel movimento di CL.[14]

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

  • Robi Ronza (1977-1981)
  • Maurizio Vitali (1981-1989)
  • Pigi Colognesi (1989-1993)
  • Davide Rondoni (1993-1994)
  • Alberto Savorana (1994-2008)
  • Davide Perillo (2008-2020)
  • Alessandra Stoppa (dal 2021)

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Diffusione secondo i dati dell'ADS:[15]

  • 2003 : 45.868
  • 2005 : 63.923
  • 2010 : 47.908
  • 2013 : 44.925

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) AA.VV., International Association of the Faithful Directory, Città del Vaticano, 2006, cap. 23, ISBN 978-88-209-7763-4.
  2. ^ (ES) Huellas, su espanol.clonline.org. URL consultato il 23 giugno 2018.
  3. ^ (EN) Why Traces?, in Traces, gennaio 1999. URL consultato il 23 giugno 2018.
  4. ^ (RU) След, su ru.clonline.org. URL consultato il 23 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2018).
  5. ^ (FR) Traces, su traces-cl.fr. URL consultato il 23 giugno 2018.
  6. ^ (DE) Spuren, su cl-spuren.de. URL consultato il 23 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2018).
  7. ^ (PL) Ślady, su slady.pl. URL consultato il 23 giugno 2018.
  8. ^ (PT) Passos, su revistapassos.pt. URL consultato il 23 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2018).
  9. ^ Tracce nel mondo), in Meeting Rimini, 26 agosto 2003. URL consultato il 23 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2018).
  10. ^ (EN) Letter to Readers, in Traces, aprile 2014. URL consultato il 23 giugno 2018.
  11. ^ Un cammino da fare insieme, in Tracce, maggio 2018. URL consultato il 23 giugno 2018.
  12. ^ (EN) Alberta Giorgi e Emanuele Polizzi, Communion and Liberation: a Catholic movement in a multilevel governance perspective, in Religion State and Society, vol. 43, n. 2, Leiden, Taylor & Francis (Routledge), luglio 2015. URL consultato il 23 giugno 2018.
  13. ^ (EN) Sabrina Testa, "Communion and Liberation" Movement: Transnational Practices and Discourses (PDF), in Sociology and Anthropology, vol. 4, n. 12, San Jose, HRPUB, dicembre 2016. URL consultato il 23 giugno 2018.
  14. ^ (EN) John Janaro, The Blessed Virgin in the Ecclesial Movement "Communion and Liberation", in Marian Studies, vol. 54, Dayton, University of Dayton, 2003. URL consultato il 23 giugno 2018.
  15. ^ ADS Accertamenti Diffusione Stampa, su adsnotizie.it. URL consultato il 23 giugno 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria