The Gashlycrumb Tinies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Gashlycrumb Tinies
Titolo originaleThe Gashlycrumb Tinies
AutoreEdward Gorey
1ª ed. originale1963
Genereumorismo
Sottogenereorrore
Lingua originale inglese

The Gashlycrumb Tinies: or, After the Outing è un abbecedario scritto e illustrato da Edward Gorey, pubblicato nel 1963. È uno dei libri più noti dell'autore,[1] oltre ad essere il più famoso tra i suoi ironici alfabeti.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gorey narra in rima baciata le storie di 26 bambini (ognuno per ogni lettera dell'alfabeto) e le loro morti premature, accompagnate dalle caratteristiche illustrazioni in bianco e nero dell'autore.

L'umorismo macrabo del libro si basa sui banali modi in cui i bambini muoiono, ad esempio cadendo dalle scale o soffocati da un nocciolo di pesca. Lungi dall'illustrare i drammatici e fantastici incubi infantili, questi scenari deridono le paranoie genitoriali.[3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

È stato descritto come una «sarcastica ribellione alla visione dell'infanzia come solare, idilliaca ed istruttiva.»[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tina Kelley, Edward Gorey, Eerie Illustrator And Writer, 75, in New York Times, 16 aprile 2000. URL consultato il 6 maggio 2013.
  2. ^ a b (EN) George R. Bodmer, The Post-Modern Alphabet: Extending the Limits of the Contemporary Alphabet Book, from Seuss to Gorey, in Children's Literature Association Quarterly, vol. 14, nº 3, autunno 1989, pp. 115-117.
  3. ^ (EN) Kevin Shortsleeve, Edward Gorey, Children's Literature, and Nonsense Verse, in Children's Literature Association Quarterly, vol. 27, nº 1, primavera 2002, pp. 27-39.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura