Tetrapoli siriaca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Con tetrapoli siriaca si intende un insieme di quattro città fondate in Siria settentrionale alla fine del IV secolo a.C. da Seleuco I Nicatore, il fondatore della dinastia seleucide. Queste quattro città erano il cuore dello Stato nell'epoca ellenistica: si chiamavano Seleucia di Pieria, Antiochia, Laodicea a mare (l'attuale Damasco) e Apamea.[1]

La tetrapoli siriaca era composta da cittadine di un certo rilievo che derivavano la loro importanza dalle scelte strategice di Seleuco I a seguito della vittoria su Antigono nel 301 a.C. Mentre Antiochia e Apamea erano nell'entroterra e costituivano i confini occidentali del sistema economico-amministrativo dello stato, Seleucia di Pieria e Laodicea erano città marittime create artificialmente sulla costa a poca distanza da Antiochia e Apamea, di cui costituivano i centri portuali. Questo insieme urbanistico era diretta conseguenza della situazione dell'epoca: una situazione politicamente delicata, pur avendo scopi economici (Seleuco I voleva togliere il monopolio delle rotte marittime all'Egitto), in un'epoca d'insicurezza sulle vie di comunicazione terrestri che testimoniava anche le difficoltà del regno seleucide alla fine del IV secolo a.C.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Franco Panvini Rosati, Herbert Adolph Cahn, La moneta greca e romana, L'Erma di Bretschneider, 2000, p.68. (Google libri)
  2. ^ Mario Attilio Levi, La città antica, L'Erma di Bretschneider, 1989, pp.172-174. (Google libri)
Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia