Tergivetro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il dispositivo dei veicoli stradali, vedi tergicristalli.
Un tergivetro
Dettaglio dei componenti di un tergivetro

Il tergivetro è un dispositivo professionale per la pulizia delle finestre degli edifici, ma che ha trovato applicazioni anche in altri ambiti, come la pulizia dei cristalli dei mezzi di trasporto e dei vetri in generale, ma si parla in questo caso di tergicristallo. È di particolare utilità per la pulizia di grandi superfici vetrate.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È generalmente composto da:

  • Spingiacqua, lama in gomma che serve per rimuovere il velo d'acqua dalle superfici vetrose, questa lama può essere sorretta da un telaio in metallo o in materiale plastico.
  • Manico, parte dello strumento atto a permettere l'impugnatura dello stesso, questo manico può essere di diverse forme e caratteristiche:
    • Corto, per essere impugnato con una sola mano
    • Lungo, per poter raggiungere altezze maggiori e altrimenti difficilmente raggiungibili, oltre al fatto di poter utilizzare entrambe le mani e applicare maggiore forza.
    • Telescopico, permette l'uso a due mani e di allungare il braccio all'occorrenza per raggiungere i punti più difficili da raggiungere.
  • Spugna, elemento non sempre presente, il quale viene generalmente sorretto e vincolato al telaio con l'ausilio di una rete, tale elemento permette di lavare ed all'occorrenza insaponare il vetro.

Il tergivetro viene in genere utilizzato assieme a stracci e spugne anche in contesti tecnologicamente avanzati.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La tua casa: manuale di organizzazione domestica, Lidia Santomauro, ed. Hoepli, pagina 29, anno 2006
  2. ^ A grandi altezze e in alto mare, ecco i lavori più pericolosi del mondo, Dario Aquaro; scheda su www.ilsole24ore.com

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]