Take the Crown

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Take the Crown
Artista Robbie Williams
Tipo album Studio
Pubblicazione 2 novembre 2012
Durata 43 min : 47 s
Dischi 1
Tracce 11+13 (Deluxe Edition)
Genere Pop
Pop rock
Etichetta Island Records
Produttore Jacknife Lee
Registrazione settembre 2011-agosto 2012
Certificazioni
Dischi d'oro Australia Australia[1]
(Vendite: 35.000+)
Danimarca Danimarca[2]
(Vendite: 10.000+)
Irlanda Irlanda[3]
(Vendite: 7.500+)
Italia Italia[4]
(Vendite: 30.000+)
Svizzera Svizzera[5]
(Vendite: 15.000+)
Dischi di platino Austria Austria[6]
(Vendite: 20.000+)
Germania Germania[7]
(Vendite: 200.000+)
Regno Unito Regno Unito
(Vendite: 500.000+)
Robbie Williams - cronologia
Album successivo
(2013)
Singoli
  1. Candy
    Pubblicato: 29 ottobre 2012
  2. Different
    Pubblicato: 17 dicembre 2012
  3. Be a Boy
    Pubblicato: 11 marzo 2013

Take the Crown è il nono album studio pubblicato dal cantautore britannico Robbie Williams il 2 novembre 2012

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Questo album è uscito a tre anni di distanza da Reality Killed the Video Star, album di Robbie Williams del 2009. L'album è uscito il 5 novembre 2012 nel Regno Unito, prodotto dalla Island Records ed è stato preceduto dal primo singolo Candy, una canzone scritta insieme a Gary Barlow. La versione deluxe dell'album contiene anche la versione originale demo dei Take That di Eight Letters, interamente eseguita da Robbie Williams. Questo è il suo primo album da solista dopo quasi tre anni dal suo ritorno con i Take That nel 2010.

Recensioni[modifica | modifica wikitesto]

Tom Hocknell di BBC Music scrisse una recensione positiva di Take the Crown: "La presenza del produttore Jacknife Lee dimostra che i tentativi di Robbie di sostituire Guy Chambers e Steve Power si sono placati virando in una direzione interessante". Hocknell lodò "'All That I Want' e l'ipnotica 'Hunting for You', mentre 'Into the Silence' ricorda l'epoca di The Joshua Tree degli U2". Nell'album il cantante "suona in troppi punti fin troppo serio".[8] Andy Gill di The Independent sostenne che l'album era "forgiato con maestria, Williams e il produttore Jacknife Lee impastano le mani in una gamma di stili diversi". Gill sostenne che ricordava gli U2 ("Into the Silence" e "Hunting for You"), Plastic Bertrand ("Hey Wow Yeah Yeah") e i Bee Gees per quanto riguarda la scrittura dei brani.[9]

Alexis Petridis di The Guardian scrisse: "Per le mani un album che, se pubblicato in seguito a Intensive Care del 2005, sarebbe stato senz'altro il grande successo auspicato da Williams".[10] Neil McCormick di The Daily Telegraph scrisse che l'album è "farcito di canzoni pop rock belle cariche che suonano come inni, ma i sintetizzatori da stadio e il mix di chitarre lo tengono ben lontano dal pop da classifica di oggigiorno, mentre uno dei temi ricorrenti è il rimpianto per i comportamenti passati". McCormick scrisse che si trattava di un disco "più di rock epico che di pop da parco-giochi" aggiungendo: "Robbie Williams non ha più sotto controllo i gusti pop della nazione, quel che resta è un intrattenitore intelligente e arrivato che canta per i suoi fan più fedeli".[11]

L'italiano Rockol definì il sound del disco "pop epico un po' spruzzato di rock" e ancora "tutto quello che c’è in mezzo tra il pop-new wave anni ’80 di “All that I want” e ballate come “Losers”", lo definì un disco piacevole con del pop di ottima fattura ma criticò la copertina del disco e il primo brano, "Be a Boy", sostenendo: "Non siamo sicuri che questi siano gli strumenti per prendersi una corona del pop".[12]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Be a Boy – 4:39 (Robbie Williams, Tim Metcalfe, Flynn Francis)
  2. Gospel – 4:26 (Robbie Williams, Tim Metcalfe, Flynn Francis, Jacknife Lee)
  3. Candy – 3:20 (Robbie Williams, Gary Barlow, Terje Olsen)
  4. Different – 4:52 (Robbie Williams, Gary Barlow, Jacknife Lee)
  5. Shit on the Radio – 2:53 (Robbie Williams, Tim Metcalfe, Flynn Francis, Jacknife Lee)
  6. All That I Want – 3:30 (Robbie Williams, Tim Metcalfe, Flynn Francis)
  7. Hunting for You – 3:58 (Robbie Williams, Tim Metcalfe, Flynn Francis, Jacknife Lee)
  8. Into the Silence – 4:48 (Robbie Williams, Tim Metcalfe, Flynn Francis)
  9. Hey Wow Yeah Yeah – 2:52 (Robbie Williams, Boots Ottestad)
  10. Not Like the Others – 4:15 (Robbie Williams, Tim Metcalfe, Flynn Francis)
  11. Losers (feat. Lissie) – 4:08 (Barbara Gruska, Ethan Gruska)

Durata totale: 43:41

Deluxe Edition bonus tracks[modifica | modifica wikitesto]

  1. Reverse – 3:56 (Robbie Williams, Tim Metcalfe, Flynn Francis)
  2. Eight Letters (Demo Version) – 4:45 (Gary Barlow, Howard Donald, Jason Orange, Mark Owen, Robbie Williams, Midge Ure, Chris Cross, Warren Cann, Billy Currie)

Deluxe Edition bonus DVD[modifica | modifica wikitesto]

  1. Making the Album - It's Not Like the Others (Behind the Scenes) – 4:30
  2. The Candyman Day 1 (Behind the Scenes) – 3:52
  3. The Candyman Day 2 (Behind the Scenes) – 4:29

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2012) Posizione
massima
Australia[13] 4
Austria[14] 1
Belgio (Fiandre)[15] 8
Belgio (Vallonia)[16] 9
Danimarca[17] 3
Finlandia[18] 13
Francia[19] 9
Germania[20] 1
Italia[21] 2
Irlanda[22] 1
Norvegia[23] 5
Nuova Zelanda[24] 12
Paesi Bassi[25] 1
Regno Unito[26] 1
Repubblica Ceca[27] 6
Spagna[28] 9
Svezia[29] 7
Svizzera[30] 1
Ungheria[31] 16

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2012) Posizione
Austria[32] 30
Belgio (Vallonia)[33] 76
Germania[34] 16
Italia[35] 39
Paesi Bassi[36] 16
Regno Unito[37] 13
Svizzera[38] 47
Ungheria[39] 65
Classifica (2013) Posizione
Austria[40] 48
Svizzera[41] 86

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ARIA Australian Top 50 Albums | Australia's Official Top 50 Albums - ARIA Charts
  2. ^ Certificeringer | ifpi.dk
  3. ^ The Irish Charts - All there is to know
  4. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Benvenuto!
  5. ^ http://swisscharts.com/weekchart.asp?cat=a&date=20121209&year=2012
  6. ^ WebCite query result
  7. ^ Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank
  8. ^ http://www.bbc.co.uk/music/reviews/g4nv
  9. ^ http://www.independent.co.uk/arts-entertainment/music/reviews/album-robbie-williams-take-the-crown-universal-island-8274218.html
  10. ^ Errore nell'uso delle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Guardian
  11. ^ http://www.telegraph.co.uk/culture/music/cdreviews/9649350/Robbie-Williams-Take-the-Crown-album-review.html
  12. ^ http://www.rockol.it/recensioni-musicali/album/5019/robbie-williams-take-the-crown
  13. ^ (EN) Robbie Williams - Take the Crown, australian-charts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  14. ^ (DE) Robbie Williams - Take the Crown, austriancharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  15. ^ (NL) Robbie Williams - Take the Crown, ultratop.be. URL consultato il 4 marzo 2014.
  16. ^ (FR) Robbie Williams - Take the Crown, ultratop.be. URL consultato il 4 marzo 2014.
  17. ^ (EN) Robbie Williams - Take the Crown, danishcharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  18. ^ (EN) Robbie Williams - Take the Crown, finnishcharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  19. ^ (FR) Robbie Williams - Take the Crown, lescharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  20. ^ (DE) Robbie Williams - Take the Crown, Media Control Charts. URL consultato il 4 marzo 2014.
  21. ^ Classifica settimanale WK 45 (dal 05-11-2012 al 11-11-2012), FIMI. URL consultato il 4 marzo 2014.
  22. ^ (EN) TOP 75 ARTIST ALBUM, WEEK ENDING 8 November 2012, GFK Chart-Track. URL consultato il 4 marzo 2014.
  23. ^ (EN) Robbie Williams - Take the Crown, norwegiancharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  24. ^ (EN) Robbie Williams - Take the Crown, charts.org.nz. URL consultato il 4 marzo 2014.
  25. ^ (NL) Robbie Williams - Take the Crown, dutchcharts.nl. URL consultato il 4 marzo 2014.
  26. ^ (EN) 2012 Top 40 Official Albums Chart UK Archive 17th November 2012, Official Charts Company. URL consultato il 4 marzo 2014.
  27. ^ (CS) Robbie Williams - Take the Crown, IFPI. URL consultato il 4 marzo 2014.
  28. ^ (EN) Robbie Williams - Take the Crown, spanishcharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  29. ^ (EN) Robbie Williams - Take the Crown, swedishcharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  30. ^ (EN) Robbie Williams - Take the Crown, swisscharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  31. ^ (HU) Archívum – Slágerlisták – MAHASZ – Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége, MAHASZ. URL consultato il 22 gennaio 2014.
  32. ^ (DE) JAHRESHITPARADE ALBEN 2012, austriancharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  33. ^ (FR) RAPPORTS ANNUELS 2012, ultratop.be. URL consultato il 4 marzo 2014.
  34. ^ (DE) Die Jahres-Charts 2012, Media Control Charts. URL consultato il 4 marzo 2014.
  35. ^ Classifica annuale (dal 2 Gennaio 2012 al 30 Dicembre 2012, FIMI. URL consultato il 4 marzo 2014.
  36. ^ (NL) JAAROVERZICHTEN - ALBUM 2012, dutchcharts.nl. URL consultato il 4 marzo 2014.
  37. ^ (EN) Dan Lane, The Official Top 40 Biggest Selling Albums Of 2012 revealed!, Official Charts Company, 2 gennaio 2013. URL consultato il 4 marzo 2014.
  38. ^ (EN) SCHWEIZER JAHRESHITPARADE 2012, swisscharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  39. ^ (HU) Összesített album- és válogatáslemez-lista - eladási darabszám alapján - 2012, MAHASZ. URL consultato il 4 marzo 2014.
  40. ^ (DE) JAHRESHITPARADE ALBEN 2013, austriancharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  41. ^ (EN) SCHWEIZER JAHRESHITPARADE 2013, swisscharts.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica