Svenska Dagbladet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Svenska Dagbladet
Logo
AbbreviazioneSvD
StatoSvezia Svezia
Linguasvedese
Periodicitàquotidiano
Formatotabloid
Fondazione1884
SedeStoccolma
EditoreSchibsted
DirettoreFredric Karén
ISSN1101-2412 (WC · ACNP)
Sito webwww.svd.se/
 
Prima pagina del primo numero di Svenska Dagbladet (18 dicembre 1884)
Anders Tengbom, edificio del Svenska Dagbladet a Stoccolma

Svenska Dagbladet è un quotidiano svedese fondato nel 1884.

Il giornale è pubblicato a Stoccolma e fornisce copertura di notizie nazionali e internazionali, nonché copertura locale della regione della Grande Stoccolma. I suoi abbonati sono concentrati nella capitale ma è distribuito anche nella maggior parte della Svezia.

Svenska Dagbladet è di proprietà di Schibsted[1] che lo acquistò alla fine degli anni '90.[2] La posizione dichiarata della pagina editoriale è "moderatamente indipendente" (oberoende moderat), il che significa che è indipendente ma aderisce al conservatorismo liberale del partito moderato. Nonostante questa posizione, il giornale è anche considerato conservatore.[3][4]

Nel novembre 2000 Svenska Dagbladet ha cambiato il suo formato da broadsheet a tabloid.[5][6] Nel 2005 il giornale ha avviato un portale web per notizie economiche insieme con Aftonbladet.[7]

Dal 1925 Svenska Dagbladet assegna, alla fine di ogni anno, a uno sportivo o a una squadra un riconoscimento: la Svenska Dagbladets guldmedalj ("medaglia d'oro dello Svenska Dagbladet").

Essendo l'unico altro quotidiano svedese mattutino ad aspirare a una copertura nazionale e internazionale completa, Svenska Dagbladet è il principale rivale di Dagens Nyheter.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1.pdf Swedish mass media] (PDF), su swedenabroad.com, Swedish Institute, 2006. URL consultato il 18 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2014).
  2. ^ Eva Harrie, The Nordic Media Market (PDF), su nordicom.gu.se, Göteborg, Nordicom, University of Gothenburg, 2009. URL consultato il 10 dicembre 2014.
  3. ^ Sigurd Allern e Mark Blach-Ørsten, The News Media as a Political Institution, in Journalism Studies, vol. 12, n. 1, 2011, pp. 92–105, DOI:10.1080/1461670X.2010.511958.
  4. ^ Jonas Ohlsson, The Practice of Newspaper Ownership (PDF), Bohus, University of Gothenburg, 2012, ISBN 978-91-88212-98-6. URL consultato l'11 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2015).
  5. ^ A Small World – Role Models In Scandinavia (PDF), su jmg.gu.se, Göteborgs University, 2007. URL consultato il 6 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2015).
  6. ^ Ulrika Andersson, From Broadsheet to Tabloid: Content changes in Swedish newspapers in the light of a shrunken size, in Observatorio (OBS*) Journal, vol. 7, n. 4, 2013. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  7. ^ Maria Grafström, The Development of Swedish Business Journalism (PDF), su diva-portal.org, Uppsala University, 2006. URL consultato il 29 novembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Merrill, John C. e Harold A. Fisher. The world's great dailies: profiles of fifty newspapers (1980) pp 308–13

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN224625919 · WorldCat Identities (ENviaf-224625919