Star-Spangled Comics

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Star-Spangled Comics
fumetto
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Editore DC Comics
1ª edizione ottobre 1941 – luglio 1952
Periodicità mensile
Albi 130 (completa)
Genere supereroi, avventura
Seguito da Star Spangled War Stories

Star-Spangled Comics è stato un periodico a fumetti edito dalla DC Comics per 130 numeri dal 1941 al 1952 quando venne sostituita dalla serie Star Spangled War Stories.[1]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Star Spangled Comics cominciò come un fumetto di supereroi: i primi protagonisti furono Star-Spangled Kid e Stripesy, affiancati poi da storie della Newsboy Legion di Simon e Kirby. Dal numero 65, la testata presentò una serie di storie individuali di Robin, con occasionali camei di Batman. Nel n°69 (giugno 1947) fu introdotto Tomahawk, un fumetto western, mentre nel n°81 (giugno 1948) fu introdotto il personaggio di Merry Pemberton. Nei primi anni cinquanta, il fumetto fu dominato da storie horror, e verso la fine della pubblicazione cambiò fino a presentare avventure di guerra; a quel punto fu rinnovato per diventare Star Spangled War Stories. Nel 1999, il nome Star-Spagled Comics fu usato come titolo di una delle puntate della storia Il ritorno della JSA.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Star Spangled Comics :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 04 ottobre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics