Differenze tra le versioni di "Metessi"

Jump to navigation Jump to search
1 byte aggiunto ,  10 anni fa
nessun oggetto della modifica
==La metessi in Vincenzo Gioberti==
Il concetto di metessi collegato a quello di [[mimesi]] (imitazione) <ref> Anche Platone, aveva parlato di mimesi come soluzione alternativa al problema della differenza ontologica.</ref> riaffiora nel pensiero [[neoplatonismo|neoplatonico]] di [[Vincenzo Gioberti]] a proposito del movimento circolare che collega l'uomo a Dio che come creatore dell'esistente, di creature simili a lui, realizza, in una fase discendente, il momento della imitazione («L'Ente crea l'esistente»); quando invece il mondo e gli uomini, in una fase ascendente, ritornano a Dio si attua il momento della metessi per cui «l'esistente torna all'Ente».<ref>Giovanni Granata, ''Filosofia'', ed. Alpha Test, 2001, p.50</ref>
 
==Voci correlate==
* [[Parusia]]
 
==Note==
*Maurizio Migliori,''Platone e Aristotele. Dialettica e logica'' Morcelliana Edizioni, Collana Filosofia 2008
*Francesco Fronterotta, ''Guida alla lettura del Parmenide di Platone, Roma-Bari, Laterza, 1998''
 
==Voci correlate==
* [[Parusia]]
 
{{Portale|Filosofia}}
 
[[Categoria:Concetti e principi filosofici]]
97 414

contributi

Menu di navigazione