Sotto il sole di Satana (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sotto il sole di Satana
Titolo originaleSous le soleil de Satan
AutoreGeorges Bernanos
1ª ed. originale1926
Genereromanzo
Lingua originalefrancese

Sotto il sole di Satana è un romanzo di Georges Bernanos scritto nel 1926, sulla lotta contro il male e il maligno da parte di un abate di campagna. Secondo il teologo Hans Urs von Balthasar, "resta la sua opera più acuta ed anche la chiave per interpretare le altre".[1] L'opera si ispira molto liberamente alla figura di Giovanni Maria Vianney (come nel Diario di un curato di campagna).

Nel 1987 Maurice Pialat ha diretto una versione cinematografica del romanzo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

«Eppure, vede, Dio ci assiste anche nei nostri errori. E quando l'uomo si leva a maledirlo, è pur sempre Lui a sostenere la sua mano impotente»

(L'abate Donissan a Mouchette, Sotto il sole di Satana[2])

Il romanzo racconta il profondo travaglio interiore della vita dell'abate Donissan, un prete di campagna francese assillato dal problema del male. Una notte incontra nelle campagne il diavolo, nei panni di un mediatore di cavalli, e si scontra con lui; subito dopo entra in contatto con la giovane Germana "Mouchette" Marothy, quando da poco tempo ella aveva assassinato un suo amante, il Marchese; egli cerca di riavvicinarla al bene, prima del tragico suicidio della ragazza. Egli "sente" il peso delle generazioni che hanno preceduto la vita di Mouchette, e che l'hanno anche in qualche modo condizionata, e le dice:

«La tua vita rivela la storia di altre vite, tutte uguali, senza rilievo, giusto al livello della greppia dove il gregge bruca il suo strame. Sì. Ciascuno dei tuoi atti porta il segno che t'ha impresso uno di quelli da cui tu discendi [...] Li vedo. Dio mi concede di vederli. In verità io t'ho veduta in loro e loro in te[3]»

Donissan nelle battute finali del racconto scopre infine che il "Principe di questo mondo" ha vinto sulla terra, e lo confessa al curato di Luzarnes in drammatiche circostanze (mentre cerca di risuscitare dalla morte la vita di un bambino figlio di contadini di quella parrocchia vicina, bambino che era morto pochi istanti prima), poco prima di morire egli stesso per un attacco cardiaco.[4]

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • trad. Cesare Vico Lodovici, prefazione di Tommaso Gallarati Scotti, Milano: Corbaccio, 1928; Milano: Dall'Oglio, 1946; Milano: TEA, 1994; con prefazione di Mario Pomilio, Ginevra: Edito-Service, 1972
  • trad. Gabriella Mezzanotte, in Romanzi e Dialoghi delle carmelitane, a cura di Paola Messori, introduzione di Carlo Bo, Milano: I Meridiani Mondadori, 1998; Cinisello Balsamo: San Paolo, 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ilfoglio.it Archiviato il 2 gennaio 2014 in Internet Archive.
  2. ^ Georges Bernanos, Sotto il sole di Satana, trad. di Cesare Vico Lodovici, dall'Oglio 1965, p.162
  3. ^ Sotto il sole... ibidem, p.166
  4. ^ romasette.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb11968255v (data)
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura