Sindrome del nido vuoto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Si definisce sindrome del nido vuoto quel particolare stato psicologico che colpisce i genitori nel momento in cui i propri figli (in genere perché si sposano o vanno a vivere da soli) lasciano la loro abitazione.

La sindrome del nido vuoto può essere il punto di partenza dei più diversi disordini nevrotici e psicosomatici che spesso si esprimono nei sintomi cosiddetti fisiologici del climaterio. Così avviene la soppressione dei sentimenti di angoscia e di paura, trasformandoli in sintomi che a livello emotivo sono più facilmente accettabili e gestibili. Tutto ciò avviene tramite dei meccanismi di traslazione[1].

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Per il padre e la madre si tratta di una situazione nella quale affrontare solitudine e abbandono in quanto, improvvisamente, si ritrovano in una casa (il nido appunto) vuota dove per molti anni erano invece abituati ad allevare la loro prole[2].

Le madri sono maggiormente colpite dalla sindrome del nido vuoto in quanto, spesso, le donne si trovano in questa situazione durante fasi di forte stress quali la menopausa o la cura dei genitori anziani[3].

Un ulteriore motivo che scatena la sindrome è il fallimento di un progetto di realizzazione personale attraverso i figli, in quanto i genitori non riescono a creare un prolungamento di sé stessi nei figli[4].

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Tipicamente si hanno stati depressivi associati a forti sentimenti di tristezza o di dolore[5]. Si entra poi in uno stato di angoscia, lo stesso associato in genere a situazioni di lutto[6]. Come il lutto, la "sindrome del nido vuoto" può essere considerata normale e fisiologica, ma si considera patologica qualora persista troppo a lungo, trasformandosi in depressione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Lo Dico, P. Di Maria, M.P. Marino, Sintomi neurovegetativi e psicoaffettivi in climaterio, Università di Palermo. URL consultato il 16 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2009).
  2. ^ Genitorialità, Consultorio Antera, 1º gennaio 2004. URL consultato il 16 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2006).
  3. ^ L'angolo della psiche: nido vuoto[collegamento interrotto], 055news.it, 6 dicembre 2008. URL consultato il 16 febbraio 2009.
  4. ^ Elvira Reale, I disturbi della donna adulta, salutementaledonna.it. URL consultato il 16 febbraio 2009.
  5. ^ Francesca Romana Tiberi, La sindrome del nido vuoto, su e-atelier.it, 1º gennaio 2007. URL consultato il 16 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2011).
  6. ^ Cinzia Mancini, Psicologia dell'età adulta, su cinziamancini.it, 3 aprile 2006. URL consultato il 16 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 28 dicembre 2008).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Gilberto Gobbi, Coppia e famiglia - Crescere insieme, Milano, Edizioni Vita-Nuova, 1996.

Controllo di autoritàLCCN (ENsh89006276
Psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia