Sindacato pensionati italiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sindacato Pensionati Italiani (SPI)
Logo Spi Cgil.png
SegretarioIvan Pedretti
StatoItalia Italia
Fondazione29 gennaio 1948
SedeVia dei Frentani, 4/A
00185 Roma
InternazionaleCES
Iscritti2.938.889[1]
Sito web

Il Sindacato Pensionati Italiani (SPI) è il sindacato generale delle pensionate, dei pensionati e delle persone anziane aderenti alla Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL); organizza e tutela i pensionati di tutte le categorie del lavoro, soggetti a qualsiasi regime pensionistico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia della Cgil.

La Federazione italiana pensionati (FIP) nasce a Firenze l'8 settembre 1946 come associazione di tutela dei diritti previdenziali dei lavoratori, su iniziativa delle Sezioni pensionati di 42 Camere del Lavoro della Cgil e di altre associazioni di pensionati. Durante il primo Congresso unitario della Cgil del 1947, nella sua relazione introduttiva, l’allora Segretario generale Giuseppe Di Vittorio getta le basi per la costituzione di un sindacato in grado di rappresentare i pensionati provenienti da tutte le categorie del lavoro[2]. Un anno dopo, dal 25 al 29 gennaio 1948, si svolge il primo Congresso della FIP, il primo sindacato unitario dei pensionati italiani.

Nel 1977, al decimo congresso della categoria svoltosi a Montecatini Terme, la FIP cambia definitivamente la sua denominazione in Sindacato Pensionati Italiani (SPI).

Per numero di iscritti, il Sindacato pensionati italiani è fra le più grandi organizzazioni sociali dʼEuropa. In Italia, si articola in diciannove strutture regionali, due di province autonome, 118 strutture territoriali e oltre 1.800 leghe. La sede centrale è a Roma, e ha compiti di direzione politica e organizzativa. Allʼestero, lo Spi Cgil è presente in diciannove paesi, in rappresentanza degli anziani con pensione italiana. Lo Spi Cgil è affiliato alla Ferpa, la Federazione europea pensionati e anziani, facente capo alla Confederazione europea dei sindacati.

Iscritti[modifica | modifica wikitesto]

Il Sindacato pensionati della Cgil conta quasi tre milioni di iscritti, per lo più donne, ex operai ed ex lavoratori con un reddito basso. Gli iscritti complessivi sono 2.938.889, oltre il 50% del totale degli iscritti della Cgil.

Segreteria generale[modifica | modifica wikitesto]

Il segretario generale dello Spi Cgil è il rappresentante legale dellʼorganizzazione. Coordina e dirige lʼattività della segreteria nazionale. Tiene i rapporti con le altre organizzazioni dei pensionati e con la Confederazione. Il segretario generale in carica è Ivan Pedretti, eletto dall’Assemblea generale nazionale il 3 febbraio 2016.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quanti siamo, su spi.cgil.it.
  2. ^ Alessandro Piccioni, Firenze 1947: l'unità difficile (PDF), su dallarepubblica.it, Rassegna Sindacale, 18/06/1981.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruno Roscani, Liliana Cultrera, Adolfo Pepe, Breve storia del sindacato pensionati Cgil, Roma, Edizioni LiberEtà, 2002.
  • Andrea Borghesi, Diritti, Libertà, Dignità. Sessant'anni dello Spi Cgil, Roma, Edizioni LiberEtà, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]