Shesha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vishnu e Lakshmi su Shesha Naga, c. 1870

Nella mitologia induista, Shesha (devanāgarī शेष, IAST Śeṣa), conosciuto anche come Sheshanaga (devanāgarī शेषनाग, IAST Śeṣanāga) o Adishesha (devanāgarī आदिशेष, IAST Ādi Śeṣa) è un serpente divino, re dei Nāga; è uno dei primi esseri generati dalla creazione.

Nei Purana si dice che Shesha sostiene tutti gli astri dell'universo sopra le sue diverse teste, mentre canta le glorie di Vishnu con le sue bocche. Nella Bhagavadgītā, Shesha è indicato da Krishna tra le manifestazioni di Vishnu. Nel Mahābhārata, Shesha è indicato come figlio di Kaśyapa e Kadru e come capostipite dei Nāga.

Iconografia[modifica | modifica wikitesto]

Shesha è rappresentato come un enorme serpente che galleggia sull'oceano cosmico; su di lui si sdraia Vishnu per riposarsi tra un ciclo di creazione ed il successivo. Shesha è rappresentato con diverse teste, talvolta cinque o sette, ma più frequentemente con un centinaio di teste e su ciascuna di esse porta una corona. Alla fine di un kalpa Shesha sputa fuoco, che distrugge tutta la creazione[1].

Altri nomi[modifica | modifica wikitesto]

Shesha è conosciuto anche con altri nomi:

  • Ananta (infinito)
  • Ananta Shesha (Shesha l'infinito)
  • Adi Shesha (Shesha il primo)
  • Shesha Naga (Shesha il serpente divino)

Avatar[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni personaggi più o meno leggendari sono considerati avatar di Shesha:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A.A.V.V., Dizionario della sapienza orientale, Edizioni Mediterranee, 1986
  2. ^ Shesha

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anna L. Dellapiccola, Induismo. Dizionario di storia, cultura, religione, Bruno Mondadori, 2005
  • Constance Jones, Encyclopedia of Hinduism, Infobase Publishing, New York, 2007

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Induismo Portale Induismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Induismo