Shegetz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Shegetz (שייגעץ o in ebraico שֵׁיְגֶּץ; plurale shkotzim שקאצים o shgatzim) è una parola yiddish che nell'inglese è entrato per fare riferimento ad un ragazzo non ebreo. Anche se shegetz, come la sua controparte femminile shiksa, proviene dal sheketz ebraico ("detestabile", "detestato", "macchia") e letteralmente si traduce come "monello", "canaglia", la sua connotazione negativa passa da trascurabile a grave, a seconda del contesto.

In passato, era pratica comune per gli ebrei dell'Europa orientale che molestati da giovani antisemiti etichettare come shkotzim i propri aguzzini. Nacham Grossbard di Haifa, scrivendo nel suo capitolo nel Memorial Book for the Community of Ciechanow ("Yisker-bukh fun der Tshekhanover yidisher kehile" edito a Tel Aviv nel 1962), racconta i ricordi dei suoi primi anni in Polonia: "Alla fine della partita, al fischio, noi ragazzi ebrei correvamo il più veloce possibile, senza fiato, fino a casa per evitare i lanci di pietre contro di noi o di essere picchiati dagli shkotzim (ragazzi non-ebrei)." [1]

Negli ultimi anni nel Stati Uniti e in altri paesi di lingua inglese con fasce di popolazione bilingue yiddish-inglese, la parola è riemersa, ma ha perso molto del suo legame con l'etimologia originale di sporcizia e di disumanità.