Scarsella (accessorio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una scarsella del 1450 circa, Prato, Museo del tessuto

La scarsella era il tipico borsello portamonete in uso dal Medioevo, spesso in cuoio o in stoffa, magari con parti metalliche, veniva tenuta appesa al collo o alla cintura.

Il termine è attestato in area fiorentina, e forse deiva dal provenzale escarsela, di etimo incerto. È usato ad esempio da Giovanni Boccaccio (Decameron, 8, III) o da Franco Sacchetti, e la parola si è mantenuta in alcuni dialetti, come in Veneto, come sinonimo di saccoccia, di tasca o di denaro in generale. Col significato esteso di "rientranza" il termine deve essere passato indicare anche, in architettura, l'abside a pianta quadrata o rettangolare.

La scarsella restò in uso fino all'introduzione della banconota. Tipica era la fodera in stoffa verde, da cui sarebbe derivato il tuttora usato modo di dire "essere al verde", cioè aver finito i soldi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda