Scanalatura (architettura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In architettura, la scanalatura è un elemento formale e decorativo costituito da solchi di sezione curvilinea e profondità e larghezza limitata, che si sviluppa in lunghezza lungo la superficie di una parte architettonica. Può essere eseguita su pezzi metallici, su legname o altri materiali.[1]

Si trovano esempi di scanalatura verticali nelle colonne nell'Antica Grecia, in Persia e nell'Antica Roma.[2] Esempi di scanalature orizzontali sono invece presenti nelle basi delle colonne dell'Asia Minore.[2]

Sui sarcofagi si trovano inoltre delle scanalature a S, che prendono il nome di "strigilature".[2]

Colonne scanalate[modifica | modifica wikitesto]

Le scanalature venivano utilizzate come elemento decorativo già nell'Antica Grecia, dove era comune l'utilizzo di colonne scanalate per la costruzione dei templi, utilizzando scanalature a spigolo vivo nelle colonne doriche e scanalature a spigolo piatto nelle colonne ioniche e corinzie, ovvero separate da listelli verticali.[3] Il numero di scanalature nelle colonne doriche era generalmente pari a 20, mentre le colonne ioniche e corinzie erano generalmente ornate da 24 scanalature.[4]

Si parla più propriamente di "colonna rudentata", se le scanalature sono riempite fino a un terzo di altezza dalla base da una modanatura a bastoncino.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura