Sarmatosuchus otschevi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sarmatosuchus)
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sarmatosuchus
SarmatosuchusDB.jpg
Ricostruzione della testa di Sarmatosuchus otschevi
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Sottoclasse Sauropsida
Infraclasse Archosauromorpha
Famiglia ? Proterosuchidae
Genere Sarmatosuchus
Specie S. otschevi

Il sarmatosuco (Sarmatosuchus otschevi) è un rettile estinto appartenente agli arcosauriformi. Visse nel Triassico medio (Anisico, circa 245 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Russia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tutto ciò che si conosce di questo animale è un resto parziale comprendente parti del cranio e della mandibola, le vertebre cervicali e una scapola. Il cranio completo dell'animale doveva essere lungo circa 35 centimetri, e si suppone che l'intero animale poteva raggiungere 1,5 metri di lunghezza. Il cranio era relativamente lungo, alto posteriormente e dotato di un rostro incurvato verso il basso, probabilmente simile a quello del ben più noto Proterosuchus.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

L'olotipo di Sarmatosuchus è stato ritrovato nella formazione Donguz nei pressi del fiume Berdyanka, nella regione di Orenburg in Russia. Descritto per la prima volta nel 1994, questo animale è stato inizialmente considerato un rappresentante dei proterosuchidi, un gruppo di arcosauriformi primitivi simili a coccodrilli; un successivo studio pubblicato pochi anni dopo (1997) ha indicato che Sarmatosuchus potrebbe essere stato un rappresentante primitivo degli arcosauri veri e propri.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sennikov A.G. 1994. Pervyj srednetriansovyj proteroscchid iz Vostochnoy Evropy. Doklady Akademii Nauk 336:359-661.
  • Gower D.J. and Sennikov A.G. 1997. Sarmatosuchus and the Early History of the Archosauria. Journal of Vertebrate Paleontology 17(1):60-73.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]