Salting out

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il salting out è una procedura che consente di separare le proteine dal loro solvente mediante precipitazione indotta da un'elevata concentrazione salina. Questo metodo aiuta anche a prevenire la denaturazione delle proteine ​​in campioni eccessivamente diluiti e può essere utilizzato per concentrare le soluzioni.[1] La concentrazione di sale necessaria per far precipitare le proteine dalla soluzione differisce a seconda della proteina. Per rimuovere l'eccesso di sale viene usata la dialisi.

Principio[modifica | modifica wikitesto]

I gruppi idrofobici presenti su una proteina, a contatto con un solvente acquoso, sono inglobati dalle molecole d'acqua in strutture dette clatrati, in cui le molecole d'acqua formano un reticolo che blocca l'interazione di questi gruppi con il solvente. Aumentando la concentrazione salina, tutte le molecole d'acqua sono impegnate a solvatare il sale, e perciò vengono utilizzate anche quelle che formano i clatrati; questo porta alla aggregazione di tutti i gruppi idrofobici in soluzione determinando la precipitazione della proteina.

Applicazione[modifica | modifica wikitesto]

Dal momento che le proteine ​​hanno diversa composizione in aminoacidi, le diverse molecole proteiche precipitano a diverse concentrazioni di soluzione salina. Le proteine ​​indesiderate possono essere rimosse da una soluzione proteica mediante salting out se si conosce la loro solubilità a diverse concentrazioni di sale. Dopo aver rimosso il precipitato mediante filtrazione o centrifugazione si può separare la proteina desiderata facendola precipitare a sua volta, alterando la concentrazione di sale fino a farla diventare insolubile. Uno svantaggio di questa tecnica di purificazione delle proteine ​​è che, oltre a far precipitare la specifica proteina di interesse, vengono precipitati anche eventuali impurità e contaminanti. Pertanto, per ottenere un maggior grado di purezza, può essere necessario affiancare il metodo con tecniche di purificazione aggiuntive come la cromatografia a scambio ionico.[2]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Garrett, Reginald H., Sabat, Michal. e Latini, Arianna., Biochimica, 5. ed, Piccin, 2014, ISBN 9788829922338, OCLC 883537020.
  2. ^ (EN) Salting out of Proteins Using Ammonium Sulfate Precipitation, vol. 541, 1° gennaio 2014, pp. 85–94, DOI:10.1016/B978-0-12-420119-4.00007-0. URL consultato il 21 marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]