Risguardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carta marmorizzata del 1735.

In legatoria i risguardi, o risguardie, o guardie (anche preceduto da carte di) sono le carte non scritte che si trovano prima o dopo il corpo del libro a protezione del testo. Essendo posti all'inizio e alla fine di un libro, non ne fanno parte. Perciò, anche quando sono bianchi, i risguardi non vanno contati come pagine.

La guardia di sinistra, incollata alla copertina, si chiama "controguardia". La guardia di destra, incollata alla prima pagina del libro, è denominata "carta di guardia"[1].

Solitamente le carte di guardia possono essere bianche, colorate o con stampati a fantasia (nei libri antichi erano marmorizzate), spesso in carta diversa rispetto al resto del libro.

La loro utilità pratica è evidente in libri cartonati, dove aiutano a mantenere unita la coperta rigida al blocco del libro. In presenza di una brossura i risguardi possono mancare del tutto, oppure essere simulati con effetti di stampa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ legature, fig. 4: guardie, fondiantichi.unimo.it. URL consultato il 1º settembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4580533-7