Rettificatrice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rettificatrice

La rettificatrice è una macchina utensile utilizzata per la finitura di pezzi metallici in grado di ottenere una notevole precisione dimensionale e geometrica e di lavorare anche su materiali molto duri come gli acciai temprati.

La rettificatrice utilizza come utensile una mola che può avere forme diverse.

Le rettificatrici possono essere distinte in:

  • rettificatrici in tondo per esterni
  • rettificatrici in tondo per interni
  • rettificatrici universali
  • rettificatrici senza centri
  • rettificatrici per piani ad asse verticale
  • rettificatrici per piani ad asse orizzontale
  • rettificatrici speciali

Rettificatrici in tondo per esterni[modifica | modifica wikitesto]

Queste rettificatrici consentono la rettificatura di pezzi cilindrici o conici e possono essere dotate di sistemi per il caricamento automatico e per il controllo dimensionale in modo da farle lavorare automaticamente nelle produzioni di serie.

Le due tipologie più note sono le rettificatrici tipo Norton, adatte a lavorare pezzi di piccola o media dimensione e quelle di tipo Landis, utilizzate per pezzi lunghi e pesanti.

Rettificatrici in tondo per interni[modifica | modifica wikitesto]

Le rettificatrici di questo tipo possono rettificare la superficie interna di fori cilindrici o conici e con le attrezzature adatte sono in grado di lavorare a produzioni in serie. A loro volta possono essere distinte in due tipi diversi a seconda del metodo di lavoro:

  • rettificatrici nelle quali la mola e il pezzo ruotano entrambi simultaneamente ma con verso di rotazione discorde, utilizzate soprattutto su pezzi medio-piccoli.
  • rettificatrici nelle quali il pezzo è fermo mentre la mola possiede tutti i movimenti, adatte a lavorare anche pezzi di grande dimensione e asimmetrici.

Rettificatrici universali[modifica | modifica wikitesto]

Queste sono macchine utensili in grado di rettificare superfici interne ed esterne cilindriche e coniche, e talvolta anche superfici piane.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]