Registro indiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
bussola Disambiguazione – Il termine "indiano" in questa voce si riferisce al popolo aborigeno del Canada; da non confondere con gli Asiatici meridionali del subcontinente indiano

Il Registro indiano è l'attestazione ufficiale degli Indiani con status (Status Indians) o Indiani registrati (Registered Indians) in Canada. Gli Indiani con status hanno diritti e benefici che non sono concessi agli Indiani non registrati, agli Inuit o ai Métis, di cui i principali includono la concessione delle riserve e dei diritti ad esse associate, una stagione di caccia prolungata, un diritto di portare armi meno restrittivo, un'esenzione dalle imposte federali e provinciali e maggiore libertà nella gestione delle licenze per il gioco d'azzardo e il tabacco attraverso minori tasse e interferenze del governo.[1]

In base al Censimento del 2016, in Canada su 977.235 persone che si dichiarano membri delle Prime Nazioni (Indiani nordamericani), 820.120 sono Indiani registrati.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1851 il governo coloniale del Nord America Britannico cominciò a tenere traccia degli Indiani e delle bande che avevano diritto ai benefici previsti dal trattato. Per 100 anni, i singoli agenti indiani fecero liste degli Indiani che appartenevano a ciascuna banda. Nel 1951, fu istituito l'attuale Registro indiano per mezzo di un emendamento alla Legge sugli Indiani, e le molte liste delle bande furono combinate in una sola.

Nel 1985, la Legge sugli Indiani fu emendata di nuovo con l'obiettivo di ripristinare lo status di Indiani a favore di persone che lo avevano perso a causa di disposizioni discriminatorie della Legge, nonché a favore dei loro figli. In questo modo oltre 100.000 persone che avevano perso il loro status sono state da allora aggiunte al Registro.

Status di indiano[modifica | modifica wikitesto]

La lista è tenuta dagli Affari indigeni e settentrionali Canada (Indigenous and Northern Affairs Canada (INAC)), un dipartimento del governo canadese.[3] L'autorità per determinare chi sarà registrato è attribuita in via esclusiva all'addetto al Registro (Registrar), che è un funzionario dello stesso dipartimento.[4]

Revoca dello status[modifica | modifica wikitesto]

Le ragioni ostative per revocare lo status erano:

  • sposare un uomo che non era un Indiano dotato di status
  • affrancamento (fino al 1960, un indiano poteva votare nelle elezioni federali soltanto rinunciando allo status di indiano)
  • avere una madre e una nonna paterna che non aveva lo status prima del matrimonio (queste persone perdevano lo status a 21 anni)
  • essere nati dalle nozze tra una madre fornita di status e un padre che era privo.

Prova documentale dello status di indiano[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1956 il governo federale canadese ha emesso un documento di identità per gli individui che hanno lo status in base alla Legge sugli Indiani.[5] Tradizionalmente questi documenti sono stati usati dagli Aborigeni per attraversare la frontiera tra il Canada e gli Stati Uniti.[5]

Indiani senza status[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Indiani senza status.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Indigenous and Northern Affairs Canada, What is the Indian Register?, su aadnc-aandc.gc.ca, 29 novembre 2017. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  2. ^ Statistics Canada, Census Profile, 2016 Census - Aboriginal Population, su www12.statcan.gc.ca, 16 novembre 2017. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  3. ^ Nell'agosto 2017, il Primo Ministro canadese ha annunciato lo scioglimento sull'INAC e un piano per creare due nuovi dipartimenti: Servizi indigeni Canada (Indigenous Services Canada) e Relazioni Corona-Indigeni e Affari settentrionali Canada (Crown-Indigenous Relations and Northern Affairs Canada). A gennaio 2018 questa trasformazione è ancora in corso. In attesa del completamento del processo, restano attivi i servizi e le informazioni precedenti, disponibili sul sito dell'INAC. Cfr. Indigenous and Northern Affairs Canada, Transformation, su canada.ca, 7 dicembre 2017. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  4. ^ Indigenous and Northern Affairs Canada, Who is the Indian Registrar?, su aadnc-aandc.gc.ca, 29 novembre 2017. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  5. ^ a b Indigenous and Northern Affairs Canada, Indian Status - Services and Information, su aadnc-aandc.gc.ca, 29 luglio 2016. URL consultato il 9 gennaio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]