Rasmus e il Vagabondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rasmus e il Vagabondo
Titolo originaleRasmus på luffen
AutoreAstrid Lindgren
1ª ed. originale1957
Genereromanzo
Sottogenereper ragazzi
Lingua originalesvedese

Rasmus e il Vagabondo (Rasmus på luffen) è un libro per ragazzi della scrittrice Astrid Lindgren, pubblicato nel 1957. In Italia fu pubblicato inizialmente negli anni '70 dall'editore Vallecchi. Attualmente è pubblicato dall'editore Salani.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Rasmus è un bambino svedese di 9 anni che vive nell'orfanatrofio comunale di Vasterhaga, diretto dalla severa e autoritaria signorina Poiana. La vita per lui è piuttosto dura: oltre a studiare le materie di scuola deve svolgere lavori faticosi (come la raccolta delle patate) e quando va in paese deve subire le angherie dei ragazzi che lo prendono in giro perché non ha i genitori. Il suo più grande desiderio è quello di trovare una nuova famiglia ma tutti i visitatori dell'orfanotrofio preferiscono adottare bambine bionde e graziose, lasciando nell'istituto i maschi più grandicelli, come Rasmus e il suo amico Gunnar. Per sfuggire ad una punizione da parte della direttrice ma anche mosso dal desiderio di esplorare il mondo Rasmus decide di fuggire e di cercarsi da solo dei genitori. Dopo l'entusiasmo iniziale e la gioia per essere finalmente libero e non più sottoposto alle rigide regole dell'orfanatrofio, il bambino inizia a rendersi conto che la vita sulla strada non è facile e a sentirsi solo e sperso. La svolta arriva all'improvviso; una notte Rasmus cerca riparo nel fienile di una fattoria e lì incontra Oscar il vagabondo, un simpatico ed eccentrico cantastorie girovago che suona l'armonica a bocca. I due fanno amicizia e iniziano ad andare in giro insieme vivendo alla giornata e guadagnando qualche spicciolo come possono (ma sempre in modo onesto). Sfortunatamente sul loro cammino incontrano due rapinatori, Lif e Liander, che si sono nascosti nella casa di una anziana donna, la signora Hilding. Oscar è ingiustamente accusato dei loro crimini e arrestato dalla polizia; Rasmus cerca di aiutare l'amico a dimostrare la propria innocenza, ma viene catturato dai malviventi. Dopo varie vicissitudini Oscar è scagionato, Rasmus liberato e i veri colpevoli vengono assicurati alla giustizia. Per Rasmus finalmente si prospetta la possibilità di avere dei genitori, perché una coppia benestante è intenzionata ad adottarlo, ma il bambino ormai si è affezionato ad Oscar e preferisce continuare ad andare in giro con lui. Alla fine i due compagni di viaggio raggiungono una casetta vicino ad un lago, dove abita la moglie di Oscar, una donna amichevole e gentile, che ha anche un piccolo gatto nero. E Rasmus scopre che è questa la famiglia che da tanto tempo cercava.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1981 dall'opera è stato tratto un film di 105 minuti, distribuito in Svezia nel circuito cinematografico e trasformato in serie televisiva di 4 episodi per la distribuzione all'estero. Nel 1970 venne realizzata dalla RAI una fotostoria, per la regia di Angelo D'Alessandro, andata in onda nella "Televisione dei più piccini", la fascia pomeridiana dell'epoca. Fra gli interpreti Dario Costantini (Rasmus) e Mario Pagano (Oscar).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura