Quattuorviri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Quadrumviro)

Nella Roma antica, i quattuorviri erano i quattro componenti di un collegio elettivo che veniva attribuito a quattro cittadini con poteri giurisdizionali e funzioni di polizia, con mandato quinquennale.

Sinonimi di quadrumviro sono quadrunviro, quattuomviro, e quattuorviro.

Prerogative e funzioni[modifica | modifica wikitesto]

I quadrumviri venivano eletto dal Senato romano.

Si distinguevano, per prerogative, in due collegi di duoviri: il primo, aedilicia potestate, aveva funzioni di polizia; il secondo, iure dicundo, aveva competenze superiori in materia di giurisdizione, amministrazione e gestione finanziaria.

Fascismo[modifica | modifica wikitesto]

Da sinistra a destra: Benito Mussolini, Cesare Maria De Vecchi, Michele Bianchi, nel 1922

Il 28 ottobre 1922 un quadrumvirato fascista ebbe il compito di guidare la Marcia su Roma. I quadrumviri in questione erano i gerarchi Italo Balbo, Michele Bianchi, Emilio De Bono, e Cesare Maria De Vecchi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]