Protocollo di Londra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Disambigua compass.svg A questo titolo corrispondono più voci, di seguito elencate.
Questa è una pagina di disambiguazione; se sei giunto qui cliccando un collegamento, puoi tornare indietro e correggerlo, indirizzandolo direttamente alla voce giusta. Vedi anche le voci che iniziano con o contengono il titolo.
  • Protocollo di Londra del 21 giugno 1814 (Otto articoli di Londra) – convenzione tra Regno Unito, Prussia, Austria e Russia con la quale il territorio del Belgio e dei Paesi Bassi venivano attribuiti al principe Guglielmo di Orange-Nassau
  • Protocollo di Londra – Il 22 marzo 1829 una conferenza degli ambasciatori delle tre Potenze protettrici (Francia, Regno Unito e Russia) stabilì i confini della Grecia indicando un territorio a sud di una linea che andava dal Golfo di Arta al Golfo Pagaseo compresa l'isola di Eubea e le Cicladi ma non Creta. Secondo il Protocollo di Londra del 1829 la Grecia sarebbe rimasta uno Stato tributario dell'Impero Ottomano e il suo sovrano sarebbe stato scelto tra un principe non appartenente ad una delle famiglie regnanti delle tre Potenze. Lo stesso anno, il 30 novembre, una seconda Convenzione di Londra stabilì invece che la Grecia avrebbe dovuto ottenere l'indipendenza e ne vennero ridotti i confini spostandoli fino al fiume Aspropotamos e al Golfo Maliaco.
  • Protocollo di Londra – espressione con cui ci si riferisce a varie convenzioni riguardanti la prevenzione dell'inquinamento marino, gli indennizzi dovuti a causa di esso e il trasporto di persone e merci per nave

Pagine correlate[modifica | modifica wikitesto]