Porto di Portoferraio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Porto di Portoferraio
Portoferraio3 - 10006x2651.jpg
Vista di Portoferraio
StatoItalia Italia
RegioneToscana Toscana
ProvinciaLivorno Livorno
ComunePortoferraio
MareMar Tirreno
TipoPorto turistico
Coordinate42°48′45.03″N 10°19′52.38″E / 42.812509°N 10.331216°E42.812509; 10.331216Coordinate: 42°48′45.03″N 10°19′52.38″E / 42.812509°N 10.331216°E42.812509; 10.331216
Mappa di localizzazione: Italia
Porto di Portoferraio

Il porto di Portoferraio è il principale approdo dell'isola d'Elba per chi giunge dal mare, esso è situato sulla costa settentrionale nel comune di Portoferraio.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia del porto di Portoferraio comincia con la fondazione di Cosmopoli, ossia l'antico nome della città di Portoferraio, nel 1548. Il progetto iniziale era a nome di Giovan Battista Bellucci ma l'effettiva esecuzione avvenne solo grazie a Giovan Battista Camerini[2]. La fortezza era pienamente operativa già nel 1553 quando si trovò a fronteggiare, vittoriosamente, il pirata Dragut.[1] Nel 1570 l'architetto Bernardo Buontalenti apportò delle migliorie logistiche e difensive, prevalentemente sul fronte di terra.[3] A seguito di questi fatti storici e grazie alla sua conformazione il porto venne dichiarato una fortezza inespugnabile, prima dal cardinale Da Retz nel 1600 e poi dall'ammiraglio Orazio Nelson nel 1796:

«tutti gli uomini e i vascelli (...) sono al sicuro a Portoferraio, che per la sua ampiezza è il porto più sicuro al mondo [2]»

(Orazio Nelson)

È oggi attrezzato come porto moderno.[2]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

È l'unico porto in Italia in cui si deve tenere la sinistra, sia entrando che uscendo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Storia di Portoferraio, su portoferraio-elba.com.
  2. ^ Migliorie di Buontalenti

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]