Plurima mortis imago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Plurima mortis imago è una locuzione latina, che tradotta letteralmente significa «i tanti aspetti della morte».[1]

Enea continuando nel suo triste racconto a Didone ricorda l'ultima notte della città di Troia messa a ferro e fuoco dai Greci. In ogni dove sangue e lacrime, corpi trafitti dalle spade e orrendamente mutilati: la morte quella notte si presentò sotto i suoi molteplici e più disumani aspetti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Virgilio, Eneide, libro II, v. 369.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina