Pittore di Cefalù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pittore di Cefalù 5.jpg

Il Pittore di Cefalù era un pittore di vasi siciliano attivo negli ultimi due decenni del IV sec a.C.

Il nome proviene da un lekane trovato a Lipari e conservato presso il Museo Mandralisca di Cefalù. Tuttavia si conoscono altre opere, tutte provenienti da Lipari, per cui è da supporre che egli fosse in attività in questa località producendo maggiormente piccoli vasi e lekanai.

Alcuni vasi somigliano nello stile a quelli del Pittore NYN, facendo supporre una contemporaneità tra i due artisti. Il suo stile è anche associato a quello dello stile di Gnathia maturo. Secondo Arthur Dale Trendall[1] il suo stile artisticamente elevato ricorda quelli del Gruppo Etneo, tanto da includerlo nel gruppo. Queste influenze stilistiche fanno ipotizzare un suo periodo formativo in località diverse e che poi si sia stabilito a Lipari. Le sue opere mostrano spesso figure come (Apollo e Artemide, Nereidi e altre figure femminili o semplici teste.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Bernabò Brea e Madeleine Cavalier, Meligunìs Lipára: Scavi nella necropoli greca di Lipari, L'ERMA di BRETSCHNEIDER, 1991, ISBN 9788870627091. URL consultato il 10 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]