Pirgotele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pirgotele [1] (in greco: Πυργοτέλης) (... – ...) è stato un incisore greco antico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu celebrato come il più bravo incisore di gemme del periodo ellenistico (seconda metà del IV secolo a.C.), la stima di cui godeva da parte di Alessandro Magno è nota, perché lo stesso Alessandro con un editto promulgò che Pirgotele fosse l'unico da cui si faceva ritrarre su pietra dura o sigillo [2].

Secondo alcuni storici è da ascrivere a lui l'invenzione della tecnica del cammeo. In ogni caso è molto probabile che si debbano proprio a Pirgotele alcune decisive innovazioni tecniche e stilistiche e la voga dei cammei, tipiche del periodo ellenista, tanto da differenziare nettamente la glittica ellenistica da quella del periodo classico, ancora legata alle formule arcaiche.

Nessun lavoro originale di Pirgotele è giunto fino a noi, anche se a partire dal XVI secolo numerose gemme antiche e moderne gli furono attribute; Winckelmann nelle sue opere ha però dimostrato che nessuna gemma può essere considerata originale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità ULAN: (EN500022074
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie