Pioniere (militare)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il pioniere che nell'antica terminologia militare si denominava zappatore e artiere, è un soldato appartenente ad una specialità militare destinata ai lavori di fortificazione, specialmente per i movimenti di terra: appianamento strade, livellamenti e cose similari.

Nell'epoca etrusca e romana, si trova traccia di tecnicismo militare di tipo pionieristico nelle operazioni campali e nell'impianto degli accampamenti. A Cerveteri in alcune tombe etrusche, fra i dipinti che rappresentano guerrieri in armi, ve ne sono alcuni con strumenti fabbrili, veri guastatori di quella età. Nell'esercito di Giulio Cesare vi furono i fossores, progenitori dei nostri zappatori.

In Francia furono introdotti nell'artiglieria. Nel ducato di Modena era un corpo tecnico, in gran parte costituito da personale non militare, che passò nel 1831 a far parte dell'esercito regolare, al comando di un Tenente colonnello. Nel 1833 vi furono assegnati giovani ingegneri, architetti, periti, e fu creata una scuola teorico-pratica che fu una delle migliori dell'epoca.

Con l'aumento dei modi di impiego delle truppe tecniche, si manifestano le specializzazioni ben distinti tra loro: zappatori, minatori, bombardieri, pontieri, pionieri, telegrafisti, ferrovieri, aerostieri, ecc.

In Italia, nell'attuale Arma del genio le specialità presenti sono: Ferrovieri, Pionieri (artieri sino al 1950), Pontieri e Guastatori.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ducato di Modena. Manuale pratico del zappatore per i lavori d'assedio ad uso delle truppe del Corpo Reale del Genio. 1834, Fodratti, Torino;
  • Mariano Borgatti. Storia dell'Arma del Genio. Vol. I: Dalle origini al 1914. 1928, per cura della Rivista Artiglieria e Genio, Roma, pp. 2–4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4201551-0
Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia