Piano strutturale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Dal 1995 con la riforma del P.R.G. il legislatore invita ogni Regione a dotarsi di un quadro normativo che indichi ai Comuni come declinare il PRG in forme programmatiche e prescrittive di tipo gerarchico al fine di superare l'obsolescenza di un sistema normativo non più al passo con le trasformazioni che investono le città italiane.

Nella nuova articolazione il PRG viene suddiviso in:

  • Piano Strutturale
  • Piano Operativo
  • Regolamento Urbanistico

il Piano Strutturale è un piano di indirizzo, programmatico, non prescrittivo a tempi lunghi – Definisce le indicazioni strategiche del governo del territorio che discendono dal PTC (Provinciale) e integrato con gli indirizzi di sviluppo espressi dalla comunità locale; non crea nuovi vincoli, ma li recepisce dai piani sopraordinati (PTC, PPAR,…) La sua durata è stabilita nel momento dell'adozione.

il Piano Operativo è un piano esecutivo, prescrittivo, a validità limitata (tempo di durata della giunta comunale) - Si pone come un piano di programmazione temporale del Piano Strutturale, deve selezionare gli interventi da attivare prioritariamente nel periodo della giunta comunale individuando in sede di adozione anche le risorse economiche previste per la loro esecuzione.

il Regolamento Urbanistico ed Edilizio è un piano prescrittivo, indica le modalità per gli interventi diretti delle trasformazioni leggere e diffuse dell'edilizia storica, consolidata e rurale - Trasformazioni negli ambiti…e interventi diffusi sul patrimonio edilizio esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]