Petrosaviaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Petrosaviaceae
Japonolirion osense 1.JPG
Japonolirion osense
Classificazione Cronquist
Deletion icon.svg taxon non contemplato
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Petrosaviales
Takht.
Famiglia Petrosaviaceae
Hutch.[1]
Generi:

Petrosaviaceae Hutch. è una famiglia di angiosperme. Questa famiglia è riconosciuta solo da alcuni tassonomisti. Le piante assegnate a questa famiglia erano solitamente assegnate alla famiglia Liliaceae.

Il sistema APG II del 2003 riconosce questa famiglia e la assegna al clade monocotiledoni, senza assegnarla ad alcun ordine. Il sistema APG III, invece, la assegna all'ordine unifamiliare Petrosaviales[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le Petrosaviaceae possiedono racemi bratteati, fiori pedicellati, sei tepali persistenti, nettarii settali, tre carpelli quasi interamente distinti, microsporogenesi simultanea, polline monosolcato e frutti follicolari.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

In entrambi i generi, le piante crescono a quote molto elevate.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

A questa famiglia sono assegnati i due generi Japonolirion e Petrosavia. Nell'identificare in questa maniera la famiglia, il sistema APG II si allontana dalla classificazione del sistema APG del 1998, che assegnava ciascuno di questi generi a una propria famiglia. Il sistema APG III del 2009 assegna la famiglia Petrosaviaceae all'ordine Petrosaviales[1].

Si ritiene che il genere Japonolirion includa un'unica specie, mentre il genere Petrosavia tre specie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III (PDF), in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 161, nº 2, 2009, pp. 105–121, DOI:10.1111/j.1095-8339.2009.00996.x. URL consultato il 26 giugno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]