Papiro di Berlino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il frammento noto come Papiro di Berlino contiene brevi testi in greco di natura evangelica non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico. È databile al VI secolo ed è stato ritrovato nel 1923.

Contiene due brevi frammenti del dialogo tra Gesù e Natanaele (cf. Gv1,49).

Il papiro di Berlino è un rotolo di papiro di carattere letterario, recante un'opera del poeta Timoteo di Mileto, I Persiani, risalente al IV secolo a.C. È venuto alla luce nel 1902 nei pressi di Abusir, sobborgo di Menfi, nella tomba di un soldato e facente parte, insieme ad altri oggetti, dell'arredo funebre. (Cfr, Marina Scialuga, Introduzione allo studio della filologia classica, Ed. dell'Orso, pp. 33, 34).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I vangeli apocrifi. A cura di Marcello Craveri. Torino, Einaudi 1969.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]