Papalino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il termine papalino sta ad indicare il rapporto che si stabilisce con il Papa nelle sue funzioni di capo dello Stato della Chiesa.[1]

In senso dispregiativo la parola vuole indicare il comportamento di chi è particolarmente ossequente nei confronti di un'autorità costituita o di tradizioni ormai superate ed estensivamente, papalino assume il significato riferito a chi sostiene o sosteneva la validità del potere temporale papale come, ad esempio, nella storia risorgimentale italiana, il partito neoguelfo o quelli che furono definiti clericali.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vittorio Coletti e Francesco Sabatini, Dizionario della Lingua Italiana, Rizzoli Larousse, 2004.
  2. ^ Carlo Tivaroni, Storia critica del risorgimento italiano: L'Italia durante il dominio austriaco (1815-1849), Luigi Roux, 1893, p. 168.
    «evvi l'aristocratico, e meschino di molto è il papalino».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]